L’ARTISTA ABRUZZESE VALENTINA COLELLA PROTAGONISTA A NAPOLI NEL PROGETTO “CONTEMPORANEAMENTE”


INTRODACQUA – Parteciperà anche Valentina Colella, artista di origini abruzzesi in collaborazione con la Dafna gallery di Napoli al nuovo progetto culturale campano ‘’Contemporaneamente’’.

Oltre 30 spazi per l’arte contemporanea che nei giorni 17, 18 e 19 dicembre aprono le loro porte con l’intenzione di dare un segnale forte di coesione e per celebrare la vivacità della cultura contemporanea sul territorio campano anche in questo momento delicato.

Colella, racconta nella città partenopea i suoi voli in un nuovo exursus di immagini alla Dafna gallery di Via Santa Teresa degli Scalzi di Napoli.

‘’In questo momento delicato affronto il mio legame con l’arte allo stesso modo di prima’’, spiega l’artista in una nota, ‘’il mio è un lavoro di pensiero e di creatività, la sua esecuzione avviene principalmente nel mio studio a Introdacqua e nelle passeggiate montane in solitudine. Per il resto cerco di non farmi sopraffare dalla preoccupazione e dall’incertezza globale. Fiera di lavorare con i galleristi Anna Fresa e Danilo Ambrosino, assieme siamo riusciti a raggiungere grandi obiettivi nonostante le tante difficoltà del momento. Avere un pubblico contingentato è un vantaggio, le mie opere hanno bisogno di attenzione e pazienza’’.

La prima edizione di Contemporaneamente rappresenta il tentativo di consolidare l’offerta culturale con l’appoggio delle principali istituzioni cittadine che, nonostante la chiusura temporanea imposta a musei e fondazioni, si affiancano all’iniziativa: Museo Madre, Fondazione Made in Cloister, Fondazione Morra, Fondazione Morra Greco, Fondazione Plart.

Da Andrea Ingenito (Dieci per dieci da Warhol ad Abbamondi) a Trisorio (Christiane Löhrad), da Alfonso Artiaco (Ann Veronica Janssens) a Galleria Lia Riumma (Weightless – Luca Monterastelli) e ancora proseguendo con Dafna Gallery (Valentina Colella), Casa Madre (Chiara Dynys), Thomas Dane Gallery (Alexandre Da Cunha) a Napoli c’è l’imbarazzo della scelta per un tour, contingentato, tra le tante proposte ed atmosfere.

Nonostante la chiusura temporanea imposta a musei e fondazioni, si sono affiancati idealmente Allo stesso modo Flip Project, Magazzini Fotografici e Tarsia sostengono il progetto, nell’attesa di poter riprendere le loro attività.

L’iniziativa, ha già in cantiere nuovi appuntamenti per il prossimo anno per esplorare e offrire esperienze sempre più approfondite nel mondo dell’arte contemporanea.

Valentina Colella (1984, Introdacqua) sperimenta linguaggi diversi e utilizza materiali eterogenei, mettendo in scena un’intensa meditazione sulle relazioni tra il mondo virtuale e la realtà fisica, l’idea di tempo come passaggio a stadi differenti in rapporto agli eventi casuali, alla storia del luogo e alle vicende autobiografiche.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021