LIBRI, RADICI EDIZIONI AL FLA DI PESCARA CON ILARIA PALUZZI E FEDERICO FALCONE

Gianluca Salustri Radici edizioni

PESCARA – Per il secondo anno consecutivo Radici Edizioni ha partecipato al Fla-Festival di Libri e Altre cose che si è svolto a Pescara nel fine settimana. Si tratta della ventesima edizione del principale evento legato ai libri in Abruzzo, che ha visto in programma oltre 200 incontri e la presenza nel capoluogo adriatico di importanti esponenti della scena letteraria nazionale.

La piccola casa editrice marsicana, dopo l’esordio del 2021, è tornata al Fla con due dei suoi libri più apprezzati negli ultimi mesi: Cartoline da Radiosale di Ilaria Paluzzi e Vito Taccone. Il camoscio d’Abruzzo di Federico Falcone.

Nel primo caso la presentazione è stata a cura di Alessio Del Rossi, responsabile della biblioteca di Castiglione a Casauria e ideatore del festival Rue di Libri, mentre ad accompagnare Falcone nel racconto della storia dell’indimenticato ciclista abruzzese c’è stata la giornalista Alessandra Renzetti.

Soddisfatto l’editore Gianluca Salustri: “Il Fla arriva a conclusione di un anno che sa di conferma per Radici. Un anno in cui l’attenzione del pubblico per la nostra produzione è cresciuta sensibilmente così come le richieste di presentazioni dei nostri volumi. Con Federico Falcone e il suo ottimo lavoro su Taccone ad esempio abbiamo quasi perso il conto”.

Radici Edizioni è stata impegnata nel weekend sulla costa adriatica anche in un altro evento speciale non strettamente legato al Fla, ossia l’undicesimo compleanno della libreria On The Road di Montesilvano con la presenza di Gino Bucci (L’abruzzese fuori sede) e di Savino Monterisi, autore di Infinito restare, altro titolo che sta dando tante soddisfazioni a Salustri: “Con il lavoro di Savino siamo riusciti ad arrivare dove volevamo, e cioè a inserirci nel dibattito sulla stampa nazionale riguardante lo spopolamento delle aree interne e le nuove visioni dell’abitare sugli Appennini. Un passaggio molto importante se si pensa alla piccola realtà che siamo e che ci spinge così a lavorare ancora più sodo per crescere. Un passo alla volta ma con le idee ben chiare sul tipo di narrazioni territoriali che vogliamo continuare a proporre”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022