“MORE WITH LESS”, STUDENTI REALIZZANO UN PALCO PER GLI EVENTI ESTIVI DEL MAXXI L’AQUILA


L’AQUILA – Può un oggetto architettonico temporaneo migliorare in maniera permanente l’ambiente urbano e agire da condensatore delle attività sociali della cittadinanza? Come usare le risorse al meglio per valorizzare gli spazi della comunità?

Sono alcuni degli interrogativi ai quali cerca di rispondere More with Less, progetto patrocinato dal Comune dell’Aquila, nato dalla collaborazione fra il Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura e Ambientale dell’Università degli Studi dell’Aquila e il MAXXI L’Aquila.

Protagonisti attivi dell’iniziativa, fra le prime esperienze di design-build a livello nazionale, sono gli studenti di Ingegneria Edile–Architettura dell’Università dell’Aquila con la collaborazione di ViviamoLaq e LAP.

“Promuovere la formazione e la conoscenza tra i giovani è un caposaldo dell’azione portata avanti da questa amministrazione che ha convintamente sposato e sostenuto l’iniziativa promossa da MAXXI L’Aquila e Università degli Studi dell’Aquila con cui verrà esaltata la valenza di uno spazio pubblico nel cuore della città” dice in una nota il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

Da oggi, 17 giugno e fino al prossimo mercoledì 24 giugno 2021, gli studenti animeranno lo spazio di Piazza Santa Maria Paganica, antistante Palazzo Ardinghelli, sede del MAXXI L’Aquila, con un progetto di autocostruzione di una struttura temporanea che rimarrà agibile durante vari periodi dell’estate 2021 per ospitare eventi e manifestazioni del Museo e, più in generale, per offrire ai cittadini dell’Aquila un’occasione di incontro e aggregazione.

Secondo Pierluigi De Berardinis, direttore del Dipartimento DICEAA: “Si tratta di un’esperienza ricca di risvolti positivi: per gli studenti dell’Ateneo, che hanno l’occasione di compiere un’applicazione pratica delle proprie competenze, anche in considerazione della complessa gestione dello spazio urbano, e per la cittadinanza, che riceverà una sorta di ‘dono’, un arricchimento, per quanto temporaneo, di un’importante piazza del centro storico”.

Dice Bartolomeo Pietromarchi, direttore di MAXXI L’Aquila: “Il progetto di collaborazione con l’Università degli Studi dell’Aquila e con il Comune rappresenta chiaramente l’idea di Museo che stiamo realizzando tra ricerca, formazione e valorizzazione dei talenti in una sinergia costante con il territorio per essere un luogo di confronto e riferimento per la comunità”.

Guidati dall’Architetto Giuseppe Grant del collettivo Orizzontale, gli studenti hanno progettato collettivamente la struttura temporanea nel corso dell’anno, usandola come espediente per avviare e proporre una riflessione su quale sia il servizio che l’architettura può rendere alla città innescando processi di trasformazione e miglioramento della qualità degli spazi, e mostrando le opportunità offerte da un determinato ambiente urbano dedicato pienamente alla vita e alla socialità dei cittadini.

Dal 25 giugno al 10 luglio, il palco ospiterà una prima serie di appuntamenti pensati per omaggiare la città e il territorio con ospiti d’eccezione. Per saperne di più https://maxxilaquila.art/eventi/.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021