PERDONANZA, “L’AQUILA RINASCE” SCALDA COLLEMAGGIO PER L’AVVIO DEL GIUBILEO AQUILANO


L’AQUILA – Ieri sera poco dopo le 21,30, si è alzato il sipario della 725 esima edizione della Perdonanza Celestiniana dell’Aquila, evento storico-religioso considerato precursore del Giubileo, che ogni anno celebra l’indulgenza plenaria che volle Papa Celestino V nel 1294.

Il Primo Giubileo della storia – scrive in una nota il Comitato organizzatore – si conferma un evento protetto dall’alto, un rito sacro che ancora una volta ha preso vita sotto gli occhi incantati di migliaia di visitatori.

Condotta da una raggiante Lorena Bianchetti è andata in scena “L’Aquila Rinasce”, la serata dedicata alla cerimonia inaugurale contraddistinta dall’accensione del Tripode da parte del sindaco Pierluigi Biondi, ma soprattutto dedicata al decennale del sisma del 2009 che colpì e segnò profondamente la città.

La pioggia incessante, che ha caratterizzato l’intera giornata, come per magia ha lasciato il posto alle luci dello spettacolo portato in scena al “Teatro del Perdono”.

A fare da sfondo una scenografia naturale che non ha eguali, la suggestiva facciata della Basilica di Collemaggio.

La serata ideata e scritta dal maestro Leonardo De Amicis e da Paolo Logli ha letteralmente stregato il pubblico presente.

Un susseguirsi di grandi emozioni, per uno spettacolo che ha saputo raccontare tra musica, testi ed immagini una città che riprende a vivere, grazie alla forza e all’amore delle persone.

A partire dalle struggenti e meravigliose parole interpretate da tre voci narranti senza precedenti: il Premio Oscar Venessa Redgrave, Franco Nero e Giancarlo Giannini, che attraverso la loro voce hanno dato corpo ai ricordi e ai sogni di tutti gli aquilani.

Ogni canzone scelta per questo appuntamento è stato un omaggio alla città e al coraggio dei suoi abitanti, a partire dalla “Forza della Vita” di Paolo Vallesi, passando per le intense interpretazioni di Amii Stewart, Simona Molinari, Piero Mazzocchetti, Stefano Di Battista e Vittoriana De Amicis.

Un vero tripudio di applausi e partecipazione per l’esibizione di Gianni Morandi che ha regalato al pubblico brani straordinari: “Uno su mille ce la fa”, “Grazie perché”, “Un mondo d’amore”, “C’era un ragazzo” e l’emozionante interpretazione corale di “Si può dare di più”.

Come un ponte ideale tra passato e futuro ognuno di questi artisti ha portato sul palco il suo personalissimo legame con questa terra, con l’augurio in un futuro migliore e ricco di grandi successi.

Una menzione d’eccezione va fatta per l’impegno straordinario e di altissimo livello dell’orchestra creata ad hoc per questo appuntamento, nata dalla collaborazione artistica tra l’Orchestra nazionale dei Conservatori d’Italia e il Conservatorio “Casella” dell’Aquila.

Ogni brano diretto dal maestro Leonardo De Amicis e interpretato da questi giovani musicisti è stato un omaggio all’Aquila e ai suoi cittadini.

Un successo incredibile per una serata che ha voluto non solo rappresentare il forte legame degli aquilani con le proprie origini e la città, ma soprattutto ricordare al mondo intero che L’Aquila è un posto dove i sogni possono ancora prendere vita.

“L’Aquila Rinasce” è stato solo il primo dei numerosissimi appuntamenti che coinvolgeranno tutta la città nei giorni della Perdonanza: dallo spettacolo di Enrico Brignano con il suo abbraccio all’Aquila, in programma domenica 25 agosto a “Il Volo per l’Aquila” creato per l’occasione da Gianluca Ginoble, Ignazio Boschetto e Piero Barone, che compongono il trio di fama mondiale Il Volo, per giungere infine all’imperdibile concerto di Fiorella Mannoia che ritorna a dieci anni di distanza dal sisma, insieme a lei Luca Barbarossa, Paola Turci e Noemi.

Passeggiando per le vie del centro storico, questa mattina, i sorrisi e i commenti appagati ed entusiasti delle persone che hanno partecipato allo spettacolo, ieri sera – chiosa il Comitato nella nota – sono probabilmente la soddisfazione più grande per tutti quelli che hanno contribuito alla sua realizzazione.