“PIATTI E NUTRIMENTI DEL CRATERE”, LE OPERE DI SERGIO NANNICOLA IN MOSTRA A CASA PROPERZI CURTI


L’AQUILA – È stata inaugurata “Arte & Domicili” l’iniziativa che apre le case ricostruite del centro storico dell’Aquila all’arte e alla condivisione delle idee.

“Piatti e NutriMenti del cratere sismico” è la mostra di Sergio Nannicola allestita nella casa Properzi Curti, abbattuta e ricostruita nel cuore del centro storico dell’Aquila, in via Guelfi n.2 in allestimento fino al 21 dicembre.

L’artista espone alcune significative opere che testimoniano e richiamano le criticità e i corti circuiti causati di problematiche socio-politico e ambientali che frequentemente tengono in scacco tanto le micro culture locali.

Le opere “Piatti e NutriMenti del cratere sismico” tornano in esposizione, dopo il 2014 come elementi simbolici di una corsa tanto avida di profitti, quanto inopportuna dal punto di vista etico e sociale.

“La rinascita, simboleggiata bel logo del patrocinio del Comune dell’Aquila, deve essere una presa di coscienza etica, oltre che sociale, politica e ambientale che non può essere slegata dalla realtà”, ha detto Nannicola. “La rinascita passa attraverso la necessità la bellezza e il rispetto reciproco tra le persone. Queste condizioni sono intese come beni primari trasversali, che si pongono al di sopra di ogni divergente visione politica. Un bene che, come insegna Eraclito, può e deve unire nell’interesse comune della diversità”.

L’iniziativa “Arte & Domicili” ha stimolato la partecipazione di un gruppo di persone, di varia provenienza, motivato a promuovere la rinascita e la prosecuzione di un percorso aperto al coinvolgimento di chiunque senta di voler fare qualcosa per la bellezza come valore universale, applicabile anche alla convivenza.

L’arte, in questi anni di conflitti ed emergenze può essere l’incipit per una riflessione con l’obiettivo di partecipare al bene comune e usare la bellezza come parametro di equilibrio di riferimento per l’agire umano, fino al rispetto tra le persone.

L’iniziativa “Arte & Domicili”, che è patrocinata dal Comune dell’Aquila con Il Segno della Rinascita, è supportata da Gianni e Silvana Properzi Curti, da Fratelli Nurzia, Biagi Vini, Azienda Agricola La Centrale s.s. e Associazione Arte e Territorio.

“Arte & Domicili” è aperta fino al 21 dicembre dalla ore 18,30 alle ore 20,30.

Sergio Nannicola, aquilano di origine, è artista e docente dell’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. La sua formazione artistica inizia intorno alla metà degli anni settanta. Allievo tra gli altri, di Fabio Mauri, Gino Marotta, Giosetta Fioroni e Sergio Lombardo.

Nel 1976, condivide con il gruppo Aura la realizzazione di “Una rosa sulla neve”, uno dei primi happening di arte ambientale realizzato in Italia sulle montagne di Campo felice, in Abruzzo

In seguito la sua ricerca artistica si è interessata al mondo dei segni, le tracce, la memoria, in particolare quella affiorante dai muri delle abitazioni abbandonate.

Segni/materia/oggetti venivano de-contestualizzati attraverso la tecnica dello strappo murale per riapparire in seguito negli spazi di una galleria o di un luogo pubblico. Ricerca praticata per tutti gli anni ‘80 e ’90 del secolo scorso.

Tra le altre cose, è l’autore degli oramai noti “Piatti e NutriMenti” del cratere sismico dell’Aquila, realizzati in seguito al sisma del 2009 e alla ghiotta ricostruzione della città e del suo territorio.

Attualmente la sua ricerca artistica si rivela nell’ambito del sociale attraverso opere ambientali, installazioni, performances e s-oggetti eterogenei.

È autore e animatore di iniziative culturali e pubblicazioni di vario genere. Molte delle sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private, sia in Italia che all’estero.

LE FOTO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2023