RIAPRE NEI FINE SETTIMANA L’AREA ARCHEOLOGICA DI AMITERNUM


L’AQUILA – Un’opportunità unica dopo la lunga chiusura dovuta all’emergenza Covid-19: nel fine settimana torneranno ad essere aperte al pubblico a turni alterni le aree archeologiche del Teatro e dell’Anfiteatro di Amiternum.

Una splendida occasione per poter godere di due luoghi simbolo dell’archeologia aquilana che tornano a disposizione dei visitatori dopo le recenti difficoltà legate alla pandemia.

L’Area archeologica di Amiternum – antica città sabino-romana sviluppatasi lungo la via Cecilia a partire dalla metà del III sec. a.C. – comprende due importanti contesti: il complesso del maestoso Anfiteatro (I sec. d.C.) con l’adiacente domus a peristilio, e il sito del Teatro (I sec. a.C.).

L’Anfiteatro poteva contenere fino a 6.000 spettatori (se ne conservano 48 arcate su due piani, a delimitarne il perimetro, nei pressi della adiacente grande domus a peristilio), mentre il grande Teatro ne poteva ospitare circa 2.000 (visibili attualmente la parte inferiore della cavea, l’orchestra e la scena).

I visitatori potranno inoltre apprezzare alcuni dei rilievi architettonici provenienti dal territorio e da Amiternum stessa esposti nell’area archeologica del teatro.

LE APERTURE DI GIUGNO

• Sabato 5 e domenica 6 giugno 2021 – orario 8.00/14.00 (apertura dell’area archeologica del Teatro)
• Sabato 12 e domenica 13 giugno 2021 – orario 8.00/14.00 (apertura dell’area archeologica dell’Anfiteatro)
• Sabato 19 e domenica 20 giugno 2021 – orario 8.00/14.00 (apertura dell’area archeologica del Teatro)
• Sabato 26 e domenica 27 giugno 2021 – orario 8.00/14.00 (apertura dell’area archeologica dell’Anfiteatro)

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021