ROCK YOUR HEAD, A MONTEBELLO DI BERTONA DUE GIORNI DI MUSICA


MONTEBELLO DI BERTONA – Dal 12 al 13 agosto 2022, a Montebello di Bertona (Pescara) torna Rock Your Head.

Giunto alla sua dodicesima edizione, Rock Your Head ristabilisce un dialogo con artisti a livello nazionale e internazionale con l’obiettivo di ridurre il gap delle aree interne rispetto a quelle centrali, attraverso un’offerta culturale ampia e partecipativa. Valorizzare e sostenere il sistema della cultura e dell’arte e al tempo stesso ripensare un territorio per renderlo più accessibile a chiunque, ponendo nuove basi per riportare la vita nei piccoli centri abitati.

Nelle parole degli organizzatori “Rock Your Head si propone di sostenere e valorizzare il sistema italiano della cultura e dando voce alle aree più marginalizzate, offrire ai partecipanti un’esperienza coinvolgente, percorrendo la strada dell’innovatività, della sostenibilità e dell’accessibilità. Il festival è ancora in evoluzione, ma questi anni di attività sono stati fondamentali ad individuare i bisogni effettivi del territorio e strutturare un’offerta semplice, variegata ed efficace”..

Montebello di Bertona viene ripensato come spazio immersivo, capace di generare un modello di fruizione coinvolgente e offrire ai partecipanti un’esperienza di visione dalla inedita prospettiva del paese.

Le novità dell’edizione 2022 sono tante, a partire da un Second stage (BeloMonte) che garantirà la presenza di uno spazio dedicato a band ed artisti emergenti, e affiancherà il Main stage (La Piazza) dove si esibiranno artisti affermati.

Il festival rafforza la sua rete internazionale grazie al coinvolgimento di diversi artisti europei. Per la prima volta in Italia arriveranno i CLT DRP, mentre direttamente dalla Germania, Guido Möbius porterà il suo mix di pop, folk, indie, glitch ed elettronica.

Le presenze nostrane consentiranno di esplorare diverse influenze sonore dalla cumbia (Cacao Mental) a suoni più introspettivi (Go Dungong), passando per racconti fantasy (Lamprendonto) e avvicinandosi a profondi concetti di filosofia giapponese (Korobu).

Anche l’offerta delle attività collaterali al festival si presenta con un palinsesto strutturato che consentirà di vivere il paese nell’intero arco della giornata. I partecipanti potranno essere protagonisti di un percorso di rilancio degli spazi sociali con azioni di cittadinanza attiva, momenti di discussione ed arte comunitaria. Sono previste attività di riflessione sull’abitabilità delle aree interne da una prospettiva di genere, esplorazione della storia del paese e occasioni di connessione al tessuto urbano attraverso l’arte.

Tra le altre novità, l’inserimento di attività che avvicinano il Rock Your Head al benessere e alla riflessività attraverso il Risveglio Yoga.

Si segnala, inoltre, la rinnovata presenza dell’Area Camping che consentirà di vivere pienamente l’atmosfera vestina, avendo maggiore opportunità di scegliere tra le numerose proposte.

LA LINE UP

Il Main stage, cuore e simbolo della manifestazione, ospiterà sei artisti provenienti da tutta Europa.

Cacao Mental elettro cumbia psichedelica, cerimonia tribale di animismo tecnologico, melting pot di culture, un paesaggio sonoro ricco come una jungla: la voce dello sciamano, grooves elettronici, trombe e chitarre lisergiche. Uno stato mentale in armonia con le forze della Natura, costruito con i nuovi miti della Tecnologia (“Technology is a force of nature”, Don DeLillo).

CLT DRP band electro-punk con provenienze varie, da Toronto, Canada, Greci e Regno Unito. I membri della band (Annie, Daphne e Scott) sono collettivamente CLT DRP, ovvero l’inconsapevole confutazione del punk che cresce in confidenza ad ogni passo.

Go Dugong è il solo-project di Giulio Fonseca. Il suo suono passa attraverso la raffinatezza della musica chill, ritmi vigorosi, depts liquidi e solide radici hip hop. Cultore di suoni globali, nelle sue produzioni innesta beat, lingue, strumenti, field recording e campioni provenienti da tutto il mondo.

Guido Möbius che fa accadere la musica insieme al pubblico. Möbius crea delicati legami tra sperimentazione, techno artigianale, funk, pattern poliritmici, acid, strani rumori e musica gospel, combinando sapientemente improvvisazione e preparazione metodica e regalando inaspettati colpi di scena.

Korobu dalla parola giapponese korobu nasce una band eclettica in costante evoluzione che sperimenta suoni e vi si perde in mezzo. Il termine significa cadere/inciampare e in senso metaforico “perdere certezze”: inciampando lungo il percorso si possono prendere altre strade che, fino a quel momento, non erano state considerate.

Lampredonto è un mostro bicefalo, un Megazord composto da Lampreda e Tonto, rispettivi alter-ego dei batteristi/produttori/guastatori sonori Simone Vassallo e Francesco Zedde, entrambi attivi da oltre un decennio nel circuito underground europeo. Musica fisica, che parla al corpo; un mélange di tradizioni ritmiche da ogni angolo del globo, concentrate in un esperanto consono ai dancefloor più rumoristi e industriali.

Second stage, è l’elemento innovativo di questa edizione, è impreziosito dalla partecipazione di nuove proposte di qualità nel panorama musicale contemporaneo e accoglie una selezione di artisti caratterizzata da una ricerca qualificata.

Rock Your Head è lieto di annunciare la partecipazione di: Sax This Candy, Anticorpi, Bile, Farabola, Francesco Costantini e il ponte della pietra, Hitch Von Kassen & The Dreamers, Ken La Fen, Picozzo, Tidal Frame.

Inoltre tutte le serate Rock Your Head vedranno la speciale partecipazione di quattro dj: Il Fraga, Karrasco, Lou Quinzio e Vescovo.

Rock Your Head si estende e dialoga con il paese e tutto il territorio circostante , organizzando e promuovendo un’agenda di appuntamenti che coinvolgono giovani realtà locali e alcuni dei luoghi più significativi di Montebello di Bertona.

IL PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ COLLATERALI

Cartografie del margine. Superando la narrazione romanticizzata che a volte caratterizza le aree interne, vivere in margini geografici è spesso difficile per chi si trova ad attraversare altri margini, ad esempio non sentendosi rappresentanto dal canone del soggetto maschio, bianco, etero, cis, abile. Reale riflessione sull’abitabilità delle aree interne a partire da queste tematiche, attraverso una laboratoria in cui tracciare le cartografie dei margini che abitiamo per provare ad immaginare come li vorremmo.

La Corsa del Tempo – Storie e momenti di vita paesana di ieri. La corsa del tempo è scandita da tre momenti canonici: passato, presente e futuro. La mostra fotografica si pone l’obiettivo di ridurre le barriere tra questi momenti nel tentativo di recuperare la memoria statica delle esperienze passate e soprattutto di creare un interscambio fecondo.

Not from London Town – I corpi e le voci della provincia. Workshop di recitazione a cura della Compagnia Deinòs Teatri. A partire dagli scritti di Alberto ‘Dubito’ Feltrin, rapper e poeta trevigiano morto suicida a soli vent’anni, i partecipanti al workshop andranno ad indagare le dinamiche che caratterizzano il corpo e la voce in rapporto ad uso espressivo dello spazio.

Pettela. Laboratorio di autocostruzione di uno spazio di relazione a cura di ViviamoLAq; percorso ‘tra gli spazi di un progetto’ che pone nuova luce sull’essenza del progetto stesso.

Poetry slam. Sfida di poesia, monologhi poetici, rap e ogni possibile forma di espressiva a cura del collettivo Poetryslamabruzzo, guidata da Andrea Pompa MCee nelle vesti di Maestro di Cerimonia. Tre round di poesia performativa con la partecipazione di una giuria popolare che andrà a decretare la performance migliore.

Reading: “Erravamo giovani stranieri”. Daniele Costantini legge Alberto “Dubito” Feltrin accompagnato da interventi musicali a cura di Antonio Cancelli. Dalle composizioni del giovane artista prematuramente scomparso ‘Dubito’, tra poesia e prosa, canzoni e immagini emerge un quadro dell’Italia contemporanea cupo e tagliente in cui ribellione esistenziale e politica si alternano ad introspezione ed empatia.

Risveglio yoga. Immersi quotidianamente nel rumore cittadino e circondati da una molteplicità di informazioni, è importante prendersi del tempo per stare se stessi e provare a rallentare il ritmo. Il risveglio yoga è l’occasione giusta per sperimentare una pratica che attraverso movimenti fisici regala consapevolezza e intimità.

Trekking Vestino. Partendo dal centro di Montebello si arriverà all’area archeologica di Campo Mirabello. Un viaggio nel periodo arcaico del Medioevo attraverso 4 siti della Necropoli italica: Vicus Italico Romano, Castrum Mirabello, Chiesa di Sant’Agata e Pozzo Sacro. Due guide di eccezione, un’ educatrice ambientale e un’archeologa, che racconteranno fatti e avvenimenti legati all’epoca medioevale e sviluppatisi nella zona Vestina in reazione alla biodiversità che caratterizza l’ambiente.

Partnership e supporto per il Rock Your Head 2022
La realizzazione del festival è stata possibile grazie al contributo della Fondazione Pescarabruzzo e al patrocinio del Comune di Montebello di Bertona.

Official Partner:
Contratto Sociale, Barabba Sounds, Compagnia Deinòs Teatri, Montanari Bertoniani, Poetry Slam Abruzzo, Tibo, ViviamoLAq, Wolftour

Media partner:
RadioStart, SentireAscoltare

Supporter:
Radio Città

Orari
venerdì 12 ottobre, dalle 11.00 alle 19.00
sabato 13 ottobre, dalle 11.00 alle 19.00

Free Entry

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022