SBARCA ALL’AQUILA L’ALTRO DI DANIELE FULVI: GUARDARSI DENTRO ATTRAVERSO IL RIFLESSO DEL PRESENTE


L’AQUILA – Verrà presentato sabato 15, alle 17.30, alla Bottiglieria Lo Zio (Chiassetto Sant’Amico, nei pressi della Fontana Luminosa), il romanzo L’Altro di Daniele Fulvi (Scatole Parlanti), scrittore originario dell’Aquilano.

Dialogherà con l’autore la docente Elisa Mililli in un incontro con letture a cura di Martina Pala.

LA STORIA

L’esistenza di Damocle, il protagonista del volume, è segnata sin dall’infanzia dalla presenza dell’Altro: il suo riflesso nello specchio, pur essendo del tutto identico a lui, sembra vivere di vita propria in un mondo parallelo.

Negli anni diventerà una presenza così ingombrante da compromettere i rapporti del giovane con i genitori, la relazione d’amore con Dalia e l’amicizia con Teofilo.

L’Altro, dallo sguardo cinico e inquietante, è un modello irraggiungibile di bravura e fascino. Dopo aver scelto di vivere lontano da casa e lavorare in un cimitero come guardiano, Damocle raggiungerà un punto di non ritorno nell’immane tentativo di spezzare tutte le catene che gli impediscono di essere pienamente se stesso, in un finale surreale e coinvolgente.

L’Altro affronta una tematica complessa come quella dell’autostima.

L’AUTORE

Daniele Fulvi è nato a L’Aquila nel 1988. È filosofo e scrittore. Ha studiato a L’Aquila e Firenze, per poi conseguire il dottorato alla Western Sydney University. Attualmente collabora con il magazine The Vision, trattando temi di cultura e politica, e con il settimanale australiano Green Left Weekly, dove scrive di politica italiana ed europea. L’Altro è il suo primo romanzo.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.