SIPARIO SU PENTOTHAL, ALL’AQUILA PARTONO LE LEZIONI DI TEATRO DI PIAZZA D’ARTI


L’AQUILA. Ultimo appuntamento per Pentothal format cult di Teatrabile, una realtà che a L’Aquila, dal 1990, che propone “iniziative innovative e finanche un po’ rischiose”.

Venerdì 22 dicembre, nell’appuntamento fisso ideato da Eugenio Incarnati e Alessandra Tarquini, oltre ad Alberto Santucci, che condurrà e introdurrà poeticamente tutti gli interventi e si produrrà nel suo “Non si può stare tranquilli un attimo”) ci saranno anche i performer Piotr Hanzelewicz con Davide Serpetti ( “Storia Volatile” – fra arte figurativa e letteratura); Beatrice Sabatini (scrittrice ed esperta della storia del territorio) con le “Dame di San Pietro” (“Lo cunto del taglio e del cucito e di femminile sagacitade”).

Piergiovanni Battibocca, in conclusione ha preparato un brano dal vivo sui fumetti, con contributi di immagini e musica, ispirato alla figura del celebre fumettista di culto Andrea Pazienza (Pentothal, infatti, è anche il nome di un personaggio di Pazienza).

Dal 22 novembre inizierà il ciclo di quattro incontri dal titolo “Lezioni di teatro”, una importante occasione di approfondimento e formazione teatrale: cinque registi teatrali si mettono al servizio della comunità artistica allargata.

Il primo, il 29 novembre, è Alberto Zoina. Impagabile performer, musicista e narratore, da tre decenni si occupa di teatro per i più giovani, di progetti culturali e laboratori didattici per la scuola. Autore di testi poetici e narrativi per i giovanissimi, ha curato programmazioni teatrali per enti pubblici in Lazio, Toscana, Friuli e Abruzzo.

Il 6 dicembre è la volta di Andrea Paolucci, fondatore, direttore artistico del Teatro dell’Argine, direttore generale dell’Itc Teatro di San Lazzaro (punto di riferimento internazionale per progetti in contesti interculturali, sociali ed educativi) membro della giuria nei premi “Scenario” e “Ustica per il teatro”, ha vinto il premio “Hystrio” (National Association of Theatre Critics), il premio Speciale Ubu, ed altri.

Il 13 dicembre c’è Stefania Evandro con Antonio Silvagni. Stefania, formatasi con maestri quali Remondi e Caporossi, Ferruccio Soleri, Nicolai Karpov, Tapa Sudana, Danio Manfredini…, dal 2005 cura la direzione artistica del Teatro Lanciavicchio e la regia di diversi spettacoli per ragazzi, anche in parchi ed aree protette.

Antonio Silvagni tra le sue ultime produzioni annovera ‘La Piazza Rossa’, ‘L’avventura di un povero cristiano’ “Cosi’ è (se vi pare)”, “Il re muore”, e l’ultimo “Fontamara”, con l’adattamento e la drammaturgia di Francesco Niccolini. Ha curato, poi, l’organizzazione di molti festival in cui le scelte artistiche si legano sempre alle peculiarità del territorio di riferimento.

L’ultimo (il 13 dicembre) è un laboratorio – performance sul “teatro sensoriale” condotto da Mario Fracassi, responsabile e direttore di di molti progetti e festival sul Teatro Ragazzi in tutto Abruzzo, con i suoi spettacoli ha vinto diversi premi fra cui il Premio1999 Festival di Teatro Città di Padova, il Premio “Rosa d’Oro” 2000) ed altri. Formatore teatrale per gli insegnanti dell’ l’Irre-Irrsae ed in progetti internazionali come Artistic Connections AR.CO (2005) e Action 1 – Youth for Europe (201-2011 Sub-Action 1.2 – Youth Initiatives).

Informazioni e approfondimenti su www.teatrabile.it o al numero 329-6777332.