“SORSI LETTERARI”, VINI (NATURALI) E RICERCA DI LIBERTÀ NEL LIBRO DI LORELLA REALE

foto Vinomadi

L’AQUILA – Il vino è presente nella storia dell’umanità da 11.000 anni. Succo dell’“erba della vita”, simbolo del patto tra Dio e popolo eletto, preziosa merce di scambio nel mondo greco e indice di potere tra i Romani. La bevanda, che nasce dal misterioso processo della fermentazione dell’uva e che scalda viscere e cuore, ha sempre rappresentato un elemento culturale potente.

Ma è soltanto oggi, nel terzo millennio, che con il movimento dei vini naturali, il vino o meglio un certo tipo di vino detto “naturale”, è diventato icona di una contestazione planetaria, di una forma di resistenza etica ed ecologista, economica e culturale. Il vino naturale, infatti, “non è un concetto astratto bensì un insieme di pratiche, di fatti, di parole e di sentimenti che si esplicano e si scontrano con la realtà”. È per questo che, secondo Lorella Reale, produttrice di vino e scrittrice, il vino naturale ha bisogno di un linguaggio nuovo.

Alla ricerca, dunque, di una grammatica originale, Reale fa suo l’insegnamento di Ingeborg Bachmann sul potere della letteratura e usa i libri, saggi e romanzi, come un prisma, per guardare i vini naturali attraverso 40 sorsi letterari. Il vino naturale diventa, di rimando, come la letteratura un’utopia, nel senso di essere un “regno aperto al futuro di cui non conosciamo i confini, ed è così, che le molte storie raccontate in queste pagine ci consegnano una chiave per guardare e sentire la situazione attuale della Terra, che è la nostra situazione.

Oggi all’Aquila, presso il cortile della libreria Polarville, in via Castello, la presentazione del suo Sorsi letterari. Vino naturale come utopia. Il libro parla di vini e letteratura, di ricerca e di libertà, e soprattutto racconta di ribellione a questa epoca. Modera l’incontro la giornalista e scrittrice Nadia Tarantini e interviene Alessandro Calabretta, mercante di vini.

Specializzata in Filosofia e Etica applicata, membro della Società delle Letterate, Reale è autrice di saggi e articoli sul cinema, la letteratura, il femminismo e il vino. Suo è il documentario cult Storia del movimento femminista in Italia, di Rai educational e Aleph Film, da cui è stato tratto il libro Futuro femminile, Sossella Editore, 2008. Dopo avere filmato, con il regista Piero Riccardi, le inchieste sullo stato della agricoltura italiana, Buon appetito, Il piatto è servito e Carne per la nota trasmissione Report, insieme a lui ha dato vita, vicino Roma, a un’azienda di viticoltura biologica e biodinamica, oggi punto di riferimento nella rivoluzione politico-artistica del movimento dei vini naturali.

Tra i suoi ultimi libri (Aa Vv) Terra e Parole, della Società Italiana delle letterate, Ebook@Women, 2014 e Il talento del naso. Tre racconti, SensoInverso Edizioni, 2020.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021