SU RAISTORIA IL DOCUFILM SU CELESTINO V DI CINZIA TH TORRINI E RALPH PALKA

Celestino V Ilpapafuoridalmondo Torrini Marc Fiorini

L’AQUILA – “Quello che abbiamo notato durante le riprese è l’insolito coinvolgimento emotivo, dagli attori alle comparse fino a chi ci ha aperto le chiese, si percepiva l’amore nei confronti di questo straordinario personaggio”.

Cinzia Th Torrini e Ralph Palka raccontano così la realizzazione del loro docufilm Il Papa fuori dal mondo dedicato alla figura di Celestino V che va in onda in prima visione domani, giovedì 22 dicembre alle 21,10 su Rai Storia (canale 54 del digitale terrestre e 23 di tv sat) .

Un prodotto che, dicono a Virtù Quotidiane, “nasce dal nostro interesse per l’Abruzzo, con cui abbiamo un certo legame anche se lo troviamo ancora molto da scoprire. Abbiamo girato eremi e luoghi in cui lui ha vissuto, dove c’è quasi un misticismo, complice forse il fatto che spesso siano remoti e difficili da raggiungere”.

“L’auspicio è sicuramente quello che possa essere trasmesso su canali ancora più importanti”, dicono i due registi, “e crediamo che l’attenzione nei confronti di Celestino cresca anche pensando all’attualità e alle scelte di Papa Francesco. Ci sono già diverse attività, come i cammini, per valorizzare i luoghi legati alla figura di Celestino, ma c’è ancora molto da fare. La Perdonanza ad esempio non è ancora molto conosciuta, la visita di Francesco dell’agosto scorso sicuramente aiuterà a farla conoscere. Il nostro docufilm speriamo contribuisca”.

Prodotto da Cassiopea Film Production con il sostegno della Fondazione Pescarabruzzo e il contributo della Fondazione Carispaq, il documentario raccoglie i saperi di esperti, storici dell’Archivio del Vaticano, giornalisti, scrittori, appartenenti alla Pontificia Università Gregoriana e alla Fondazione studi celestiniani. Restituisce, dunque, il cammino degli ultimi quattro anni di Pietro da Morrone: dall’eremitaggio alla incoronazione, dalla rinuncia al pontificato al mistero intorno alla causa della sua morte violenta.

Vengono ricordati i momenti cruciali ed intimi della vita del santo eremita, interpretato dell’attore Marc Fiorini. Le suggestive riprese di eremi, luoghi e paesaggi incontaminati dell’Abruzzo, come quelli dell’eremo celestiniano di Sant’Onofrio, avvicinano emozionalmente lo spettatore allo storico personaggio.

L’opera, girata nel Parco nazionale della Majella, all’Aquila e nelle zone interne della provincia, ha visto la partecipazione di numerose professionalità abruzzesi, volute fortemente dai registi stessi.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2023