TEATROZETA, VENT’ANNI DELLA COMPAGNIA FONDATA DA MORGESE E 10 DEL GRAN TEATRO DI MONTICCHIO


L’AQUILA – Sono trascorsi 20 anni dall’ottobre 2002, quando la compagnia Teatrozeta, con sede in via Cimino al centro storico, iniziò a muovere i primi passi a L’Aquila. Il giovane fondatore Manuele Morgese, a 27 anni, irrompe sulla scena teatrale aquilana con una vera e propria rivoluzione, quella del suo “Masaniello”, al debutto al Ridotto del Teatro Comunale. Da lì l’incontro con il direttore Federico Fiorenza che gli propone di lavorare con il Teatro stabile d’Abruzzo. Dopo pochi anni, nel 2004, Morgese prende la sua strada e fonda a Colle Sapone, in via Savini, il Piccolo Teatrozeta, trasformando un capannone industriale in sala con palcoscenico, dove muovono i primi passi molti artisti aquilani e che porta in città un’ondata di teatro “alternativo -sperimentale” in quello che fu poi ribattezzato appunto “lo spazio off di Zeta”.

Poi è la volta dei Teatri Possibili di Milano: il Teatro Zeta entra a far parte di questo consorzio nazionale e in collaborazione con l’Atam (Associazione teatrale abruzzese e molisana) gestisce il teatro Sant’Agostino creando la stagione di teatro contemporaneo “Volo libero”. Il teatro Sant’Agostino al centro storico ed il Piccolo Teatro Studio di via Savini, diventano punto di riferimento per i giovani soprattutto e per i nuovi centri di produzione culturale nazionale.

Poi il 2009 che per la città e per gli aquilani segna un passaggio drammatico ed epocale. Morgese tuttavia è tra quei virtuosi che comprende che la ricostruzione morale e materiale della città può essere un’occasione di crescita. Così è: grazie ad un finanziamento del 40% a fondo perduto da parte dello Stato, in via Rodolfo Volpe a Monticchio, viene edificato il Gran Teatro Zeta–Parco delle Arti. Edificio di circa 600 metri quadrati di pubblico spettacolo con 200 posti a sedere ed un parco esterno di settemila metri quadrati. Dunque dieci anni fa, il 15 dicembre 2012, il nuovo Teatro dell’Aquila apre le porte alla città.

Sono trascorsi 10 anni durante i quali la compagnia Teatrozeta è cresciuta e con essa le sue attività. Nel 2018 infatti, un altro passaggio che ha dell’incredibile in un’Italia dove i cinema e i teatri chiudono: nasce il CinemaZeta. La sala di pubblico spettacolo diventa cinema–teatro: viene ampliata la costruzione con un nuovo padiglione di 120 mq, che ospita il nuovo foyer, bar e sala polifunzionale.

Il teatro viene adibito a cinema con l’allestimento di tutti gli apparati tecnologici e la sostituzione delle poltrone di sala. Il CinemaZeta ad oggi è l’unica sala “cinema d’essai” della città. Dopo 10 anni di trasformazione TeatroZeta rappresenta oggi un esempio concreto di imprenditoria culturale abruzzese, un modello virtuoso della città dell’Aquila, del mondo della cultura nazionale e del mondo del teatro europeo.

Sono state 23, in dieci anni, le produzioni: Caligola di A. Camus -tradotto da Riccardo Reim per la regia di Pino Micol – coproduzione teatro della Cometa – I magi 2010 – Roma; Obsextion sulla poesia di Anne Sexton regia di Manuele Morgese 2011 – L’Aquila; To be scritto e diretto da Manuele Morgese Cantieri dell’Immaginario 2012 – L’Aquila; Cougar scritto e diretto da Brando Minnelli; Romeo e Giulietta di W. Shakespeare regia di Livio Galassi 2014; Il mare di Sicilia opera prima di Carlo Crivelli regia di M.Morgese e R.Macrini con l’orchestra della Sinfonica abruzzese 2015; I comici dell’arte recitano La XII Notte di W. Shakespeare regia di Massimiliano Cutrera 2016; Il veleno del teatro di R.Sirera – Regia di Pino Micol Scene di L.Cutuli – 2016 Napoli teatro Festival; Le nostre donne regia di Livio Galassi con Edoardo Siravo – Roma 2017; Revolution di Morgese e Macrini – Fringe Festival of Edimburgo 2017; Cronache dalla Shoah, Filastrocche della nera luce di Giuseppe Manfridi, Regia di Livio Galassi e Manuele Morgese, con Fabrizio Bosso alla tromba e Julian Oliver Mazzariello al pianoforte Coproduzione con Teatro Nazionale della Toscana – Fondazione La Pergola di Firenze – 2019 – Cracovia; Favole di Natale di Gabriele D’Annunzio con Vanessa Gravina regia di Livio Galassi – 2019; Divina Commedia: Manuele Morgese legge Dante con F.DeMelis – violino e A.M.Santisi al violoncello 2021; Siddharta di H.Hesse con Mariano Rigillo diretto da Manuele Morgese – Campania Teatro Festival; I giganti della montagna di L.Pirandello – regia M.Morgese con Aldo Sicurella, Monica Pisano 2022; Apolidia…ovvero il potere della mafia scritto diretto ed interpretato da Manuele Morgese; Il calapranzi di H.Pinter con Valter Mameli e Giuseppe Vignolo regia di Manuele Morgese; Antologicamente con Paola Gassman e Ugo Pagliai regia di Manuele Morgese.

Per il Teatro ragazzi Peter Pan, Il mago di Oz e Cappuccetto rosso tutto da ridere con la regia di Manuele Morgese e L’Albero di Lele per la regia di Rolando Macrini.

Il Teatro Zeta ha poi partecipato a festival e rassegne: 2012 Festival dei due mondi, Spoleto, Festival di Tagliacozzo 2013/15, due volte al Napoli Teatro Festival 2016 con lo spettacolo Il veleno del Teatro – Siddhartha; Edimburgo Fringe Festival 2017 con lo spettacolo Revolution; Festival de I Cantieri dell’Immaginario L’Aquila 2010/2019.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2023