UN ANNO DI PRESENTE-MENTE, LA PIATTAFORMA LIBERA NEL SEGNO DELLA LEGGE BASAGLIA


L’AQUILA – Compie un anno il blog Presente-mente.com una piattaforma di condivisione che raccoglie contributi su temi relativi alla salute mentale o, in maniera più generale, all’interpretazione della realtà controversa di una città colpita da una tragedia come quella del sisma.

Tra le firme del blog, lanciato il 13 maggio 2018, in occasione dei quarant’anni della legge Basaglia, ci sono volontari con diverse esperienze professionali sul piano giornalistico e, contemporaneamente, persone che trovano assistenza nel Dipartimento di Salute Mentale per aver vissuto disturbi della mente, oppure che stanno vivendo una fase di recupero da altri disagi psichici e fisici.

L’idea e il coordinamento sono di Stefano Ratini, autore e operatore culturale. Il blog si avvale della collaborazione anche del professor Massimo Casacchia.  “Molto resta da fare in un momento in cui lo stigma nei confronti delle persone affette da disturbi mentali è ancora alto”, si legge in un fondo apparso in occasione del primo anniversario. “In un momento in cui si ha più paura della psicoterapia che degli psicofarmaci. In un Paese, come l’Italia, dove ammettere di essere in terapia da uno psicologo o uno psichiatra è ancora considerato un tabù e dove, allo stesso tempo, gli psicofarmaci sono diventati una scorciatoia per combattere i disturbi mentali”.

Secondo uno studio condotto dall’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr, circa sette milioni di italiani tra i 15 e i 74 anni – il 15,1% della popolazione – ne fanno uso almeno una volta nel corso dell’anno. Questa percentuale non tiene conto del consumo di psicofarmaci senza prescrizione, come quelli comprati sul mercato nero, soprattutto dagli adolescenti. Il boom del consumo, legale e illegale, va affrontato senza pregiudizi e disinformazione, considerando che anche tra i politici l’argomento è del tutto ignorato.

Stefano Ratini

“Nasce da qui la nostra proposta”, si legge ancora, “quella di usare questa piattaforma web come occasione di confronto sul tema della salute mentale, attraverso anche le testimonianze di volontari con diverse esperienze professionali e persone che trovano assistenza nel Dipartimento di salute mentale per aver vissuto disturbi della mente, oppure che stanno vivendo una fase di recupero da altri disagi psichici e fisici”.

L’idea di lavorare a fianco a fianco con persone che hanno sofferto di disturbi come l’ansia, la depressione, la schizofrenia permette a questo spazio di affrontare le tematiche da prospettive inedite, contribuendo al dibattito in maniera proattiva.