VIDEOISPEZIONI ALL’ACQUEDOTTO HISTONIUM PER SCOPRIRE TRATTI SCONOSCIUTI


VASTO – L’intera giornata di sabato 12 settembre sarà dedicata all’esplorazione, tramite videoispezioni, dei tratti dell’Acquedotto delle Luci che gli archeospeleologi non sono stati in grado di raggiungere fisicamente a causa di interruzioni causate da crolli o sbarramenti moderni di difficile rimozione.

L’Acquedotto delle Luci fu costruito tra il I ed il II secolo d.C. a servizio della città romana di Histonium, la moderna Vasto (Chieti).

Questa importante opera idraulica ha alimentato fino al 1926 la città moderna ed è stata poi progressivamente abbandonata.

Da oltre dieci anni la sezione di Italia Nostra del Vastese, con la collaborazione della Parsifal Società Cooperativa, specializzata in ricerche archeologiche, cerca di ricostruire l’esatto percorso di questa mirabile opera dell’ingegno umano e ne promuove il restauro e la valorizzazione.

Italia Nostra si è rivolta alla società Dantec di Giussano (Monza e Brianza), che commercializza attrezzature per videoispezioni e per attività di relining.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.