A PESCARA TORNA “MEDITERRANEA”, LA FIERA DELL’AGROALIMENTARE ABRUZZESE


PESCARA – Sarà un trionfo di sapori questa Mediterranea 2021 al gusto della ripresa. Dopo un anno di stop a causa della pandemia, la fiera dell’agroalimentare più longeva d’Abruzzo torna al Porto Turistico Marina di Pescara con trentuno espositori, cinque rappresentanti della grande distribuzione organizzata nazionale, circa cinquanta cuochi non solo dall’Abruzzo ma anche dalla Puglia, Molise e Marche.

Un giusto mix tra visitatori ed operatori perché se è vero che le produzioni enogastronomiche abruzzesi sono sempre più apprezzate, è anche vero che il mondo della ristorazione ha subito delle perdite importanti ed è per questo necessario, secondo l’ottica della Camera di Commercio, incrementare i prodotti di qualità sugli scaffali della GDO ed eccellere nella qualità della ristorazione.

Con questo duplice obiettivo si parte sabato mattina, alle ore 11,30, con un convegno in collaborazione con Slow Food Abruzzo Molise dal titolo “Quale futuro per i prodotti agroalimentari di origine tutelata nella moderna distribuzione alimentare”: intorno ad un tavolo, moderato da Cristina Lazzati di Gdoweek – Mark Up, siederenno Ezio Redeghieri di Coop Alleanza 3.0, Gregorio Martelli di Magazzini Gabrielli; Gabriele Nicotra di Decò Italia; Denis Pantini di Nomisma; Federico Stanghetta di Conad Adriatico.

La chiusura o, comunque, il forte ridimensionamento del canale horeca (hotel, ristoranti e catering) di questi ultimi diciotto mesi ha fortemente penalizzato i prodotti di qualità made in Italy che, soprattutto nei ristoranti, riuscivano a vedersi riconosciuto il proprio valore aggiunto. Una considerazione valida in primo luogo per il vino ma anche per altri prodotti a denominazione.

E sono proprio i cuochi ed i ristoratori, insieme alla GDO, i protagonisti di questa edizione che lunedì venti settembre, in una giornata chiusa al pubblico, incontreranno le imprese partecipanti a Mediterranea per selezionare i prodotti che andranno sulle tavole di Abruzzo, Puglia, Marche e Molise. Sempre nella giornata di lunedì, avrà luogo la presentazione del progetto “Cozza dei Trabocchi” finanziato dal Fondo Europeo per la Politica Marittima.

Ma Mediterranea, si sa, è anche un piatto gustoso per i visitatori che potranno entrare sabato e domenica dalle 17,00 alle 23,00 e che saranno coinvolti, oltre che nelle visite degli stand, anche in due importanti appuntamenti: il primo con il Consorzio Dop Aprutino Pescarese (ore 18,00 Padiglione D. Becci) dal titolo “Riflessioni, tra passato e futuro, della DOP Aprutino Pescarese: ricominciamo da 25”; il secondo, domenica sempre alle 18,00 al padiglione, con il dott. Claudio Patacca, biologo nutrizionista, che presenterà i vantaggi di una giusta alimentazione, puntando l’attenzione sulla “Dieta Mediterranea, il benessere alla portata di tutti”. Informazioni www.mostramediterranea.it.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021