CALA IL SIPARIO SU VENTRICINA&BOLLICINE SULLA COSTA DEI TRABOCCHI


TORINO DI SANGRO – Ultima tappa per Ventricina &Bollicine, la rassegna nata come spin off del Festival della Ventricina, che nella sua seconda edizione si è presentata in versione itinerante. Dopo la prima tappa a Scerni (Chieti), per due serate il 17 e il 18 agosto, il secondo appuntamento a Pollutri (Chieti) venerdì scorso, questa mattina è stato lo scenario del Trabocco Le Morge di Torino di Sangro (Chieti) a ospitare l’evento conclusivo.

“Oggi si conclude la terza tappa di Ventricina&Bollicine – ha commentato a Virtù Quotidiane, il presidente dell’Accademia della Ventricina del Vastese e ideatore dell’iniziativa, Luigi Di Lello – un format che fin dal suo esordio, lo scorso anno all’interno del Festival si è dimostrato di successo”.

Il salume re del gusto abruzzese, “fatto con il 70 per cento della parte magra del prosciutto, altamente dietetico e salutare per via della presenza del peperone e altri ingredienti genuini e naturali” è stato celebrato anche come simbolo bike friendly.

La mattinata sul trabocco ha visto, infatti, anche l’arrivo in Abruzzo di due motocicliste che stanno attraversando l’Italia da nord a sud in un tour da mille chilometri su moto a emissioni zero.
“È un viaggio unico nel suo genere, da Firenze fino a Ostuni con l’unica tappa in Abruzzo – ha evidenziato il presidente di Legambiente Abruzzo, Giuseppe Di Marco – in un connubio che fa sintesi sulla Costa dei Trabocchi: da un lato il tema della mobilità sostenibile, l’Abruzzo bike friendly e dall’altro il trabocco come elemento centrale del territorio, tra la costa e l’entroterra”.

“L’auspicio – conclude Di Lello – è che sempre più aziende vinicole del territorio riconoscano questo format e assumano la ventricina come il salume che rappresenta oggi l’Abruzzo. Nell’immaginario collettivo a livello nazionale la nostra regione è riconosciuta nella ventricina e nell’arrosticino. In quest’ultimo tuttavia c’è ancora un lungo lavoro sul tema disciplinare che invece sulla ventricina abbiamo già fatto”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.