CANTINE APERTE REPLICA IL SUCCESSO, A BOSSANOVA SI DEGUSTA IMMERSI NEI MASTELLI


CONTROGUERRA – Cantine Aperte 2021 seconda tappa, dopo il fortunato weekend di maggio che ha visto migliaia di enoturisti raggiungere cantine e vigneti abruzzesi.

Il regolamento anche per questa edizione ha previsto la prenotazione obbligatoria, frenando i “bollenti spiriti” senza però rallentare la festa con una nuova formula apprezzata da tutti, che ha suscitato negli avventori quella voglia di frequentare le cantine ad ogni week-end.

Successo anche a Bossanova, a Controguerra in provincia di Teramo, azienda che nasce nel 2018 dall’incontro di Natalino Colantonio, dirigente che vuole cambiar vita ed Andrea Quaglia che eredita la cantina del nonno e si trova ad un bivio.

I due si conoscono in un birrificio artigianale e scocca la scintilla, nasce Bossanova: entrambi musicisti, decidono di ispirarsi al genere musicale nato in Brasile negli anni Cinquanta dall’incontro tra samba e jazz, dove godi un incontro con vino, buona musica e tanta passione.

La loro linea essenziale di trebbiano, cerasuolo e Montepulciano d’Abruzzo riserva, si arricchisce di un Montepulciano di annata, ma la loro vera forza è l’accoglienza: in cantina hanno due poltrone molto comode dove ti fanno accomodare per raccontare la loro storia. Sono partiti con due ettari di vigna ed oggi ne coltivano nove.

Nella festa di questo fine settimana particolarmente afoso, sul prato di Bossanova anche dei grossi mastelli in cui immergersi con un calice in mano.

Le aziende che hanno partecipato a Cantine Aperte in Abruzzo, divise per territori, nella zona delle Colline Teatine: Agriverde, Azienda Tilli, Cantina Frentana, Cantine Maligni, Cantine Mucci, Dora Sarchese, Eredi Legonziano, Fattoria Licia, La Vinarte, Tenuta Ferrante, Tenuta Oderisio, Valle Martello, Vigneti Radica.Nella zona delle Colline Pescaresi: Cantine Bosco Nestore, Marramiero, Podere della Torre, Tenuta del Piore, Tenuta Secolo IX. Infine nella Colline Teramane: Cirelli, Bossanova, Stefania Pepe, San Lorenzo, Cantina Ruggieri, Cerulli Spinozzi, Faraone Vini.

Sei delle aziende partecipanti – Azienda Tilli, Marramiero, La Vinarte, Agricola Cirelli, Dora Sarchese e Faraone – hanno preso parte anche ad “EVO Abruzzo”, un weekend di conoscenza e promozione del mondo dell’olio extravergine d’oliva organizzato dal Movimento Turismo Olio Abruzzo, il consorzio recentemente nato nella nostra regione con lo scopo di aggregare le aziende agricole e i frantoi vocati all’accoglienza e alla promozione dei luoghi dove si produce l’olio d’oliva. Giancarlo Pierannunzi

LE FOTO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021