CARATTERI FORTI, EROI DI MONTAGNA: UN’ETICHETTA PER I VINI D’ALTURA ABRUZZESI

Il Sirente sullo sfondo di Vigna di More, foto Luigi Baglione

L’AQUILA – Caratteri Forti-Eroi di Montagna. Suonerà più o meno così in etichetta il racconto dei pochi, forti, grappoli abruzzesi di Traminer, Petit manseng, Kerner, Riesling renano e quel po’ di Chardonnay sopravvissuti all’ondata di gelo del 25 aprile dell’anno scorso nelle aziende aquilane Castelsimoni (Cese di Preturo) e Vigna di More (Tione degli Abruzzi).

In bottiglia, tutto il salvabile. Un blend fortuito affidato alla forza della natura. Un vino eroico da uve eleganti e profumate, che di tradizionale abruzzese non hanno nulla se non la resistenza alla calamità. E il terroir ideale offerto dalla montagna aquilana: freddo e soleggiato, escursioni termiche a precipizio, ventilazione costante (leggi agricoltura pulita), pendii scomodi, pietrosi, ricchi di scheletro. Condizioni estreme, difficili. Ma ideali per uve a maturazione precoce e vocazione longeva.

Uve che amano l’altitudine, i terreni tormentati e ricchi di minerali del Trentino e dell’Alto Adige. Ora anche dell’Abruzzo di alta montagna. Un racconto a due voci.

Lo racconta al naso e al palato, il raffinato, euforizzante perlage del Santagiusta, spumante metodo classico blanc de noir stile Franciacorta, Pinot noir e Chardonnay allevati sopra i 650 metri di Tione degli Abruzzi, da Vigna di More. Croce e delizia di Adriana Tronca, coraggiosa e testarda vignaiola, aquilana di ritorno, già da dodici anni in pianta stabile a Goriano Valli, media Valle dell’Aterno, per accudire giorno per giorno il suo vigneto come un giardino. Un gioiello di bellezza e di biodiversità agronomica. Uve di alta quota (l’azienda è iscritta al Cervim, centro di ricerca, studi e valorizzazione per la viticoltura di montagna), varietà antiche di mele e cotogne, purissimo zafferano (lavorazione artigianale, premiato Perla del Gusto dall’esclusivo circuito di Raffaella Corsi). E il vanto di aver aperto, nel 2005 moderna pioniera, la strada all’Igp Terre de L’Aquila con il suo progetto dei vini di montagna in Abruzzo.

Di coraggio e passione, di freschi profumi di sottobosco e mineralità spiccata, raccontano allo stesso modo i sapidi bianchi allevati in quota sull’altro versante aquilano, Cese di Preturo, 800 metri sul livello del mare, 8 km da L’Aquila, 45 minuti da macchina dall’azienda di Adriana Tronca. Riesling renano, Traminer aromatico, Sauvignon blanc imbottigliati in purezza senza lieviti selezionati e non filtrati, da Manuela Castellani e Paolo Simone, con una parola Castelsimoni.

Di “approccio laico, non tradizionalmente contadino”, di valorizzazione del territorio più marginale e ostico “assecondandone le vocazioni naturali”, argomenta con entusiasmo Paolo Simoni, bolognese, manager nella farmaceutica, oggi impegnato a condividere l’avventura agricola con la sua compagna, Manuela Castellani, aquilana “intra moenia”, un bel carattere deciso e ambizioso che si lascia domare solo con i buoni risultati. La tenacia la sta premiando, a novembre scorso è arrivato l’argento per il “suo” Traminer aromatico Altair al Mondial des Vins Extrêmes, mondiale di vini organizzato dal Cervim (al quale l’azienda è iscritta) in Val d’Aosta.

“Si tratta di resettare il palato” incalza Paolo “dinanzi a vini fondamentalmente diversi dai tradizionali Trebbiano e Montepulciano d’Abruzzo che a queste altezze faticano ad arrivare a maturazione”.

“Stiamo cercando di recuperare una tradizione persa rivalutando un territorio povero dell’Abruzzo interno, che non permetterebbe altre coltivazioni. Cambiamo i vitigni, interpretiamo un terroir senza condizionamenti. La vigna si adatta in fretta” rassicura.

La cantina Castelsimoni, a pochi metri dal vigneto, è scavata nella roccia e tecnologicamente impeccabile. Tra le bottiglie, diecimila circa per vendemmia, tutte numerate e lasciate tranquille ad affinare, anche quelle poche, preziose, della nuova sfida: Caratteri Forti-Eroi di Montagna, bianco (il blend) e rosso (i due Pinot noir), i “sopravvissuti alla gelata” . Saranno pronti verso maggio- giugno, annunciano in coro e con trepidazione mista ad aspettativa Paolo, enologo di casa, Manuela e Adriana, offrendo un ammirevole – e da queste parti raro – esempio di unità di intenti.

Collaborazione nel rispetto ognuno della propria identità. “Gli anni di lotte per far capire qual è il vino di montagna in Abruzzo, sono serviti a cementare la nostra amicizia” hanno raccontato tra i tavoli, tutti attenti, durante la serata enogastronomica a loro dedicata da Francesco De Matteis, regista occulto della storica Osteria Corridore, a Pianola. Piatti studiati con la chef Serena Deli, e calici di natura pulita, forte, tutta da esplorare.

“Caratteri Forti – Eroi di Montagna è l’accettazione di una sfida e una promessa per il futuro, per il territorio che riparte nonostante il terremoto. Pochi grappoli sani e diversi tra loro, diversi per territorio. È il bello di questa avventura e delle sfaccettate potenzialità offerte dalla natura abruzzese”. Sarà sorprendente scoprire il risultato. Di sicuro un vino di carattere, con forte connotazione aquilana. Virtù Quotidiane ci sarà per raccontarlo.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021