THE COAT CLUB, A CEPAGATTI LE MATERIE PRIME ABRUZZESI SI CONTAMINANO CON L’ORIENTE IN UN VIAGGIO NEL GUSTO


CEPAGATTI – India, Giappone, Marocco, Turchia. Abruzzo. Hanno racchiuso, come in una scatola dei ricordi, i sapori, le immagini e i profumi immagazzinati nei loro viaggi. Hanno reso quella scatola un luogo dove condividere quei viaggi con chi desidera immergersi in un’esperienza del palato nuova. Tutto questo è The Coat Club, la creatura di Gianni Tonon e della moglie Elena.

A Cepagatti (Pescara), al piano superiore della sede minimal di Hosi Concept, l’industria  di manifattura che crea i capi per le grandi case di moda italiane e internazionali, da poco meno di un anno ha preso vita un progetto che è la sintesi delle passioni di questa coppia lungimirante e innamorata del mondo orientale.

Gli arredi dai colori scuri, a contrasto con il bianco della sede dell’azienda tessile al piano strada, sono trasposizione materica di quei viaggi. Due sale, curate nei minimi dettagli, ripropongono sulle pareti la Via delle Spezie e la Via della Seta, da cui prendono i nomi. In quest’ultima si inserisce Venezia a rimarcare le origini di Tonon, che proprio da lì insieme al padre Vito negli anni ’80 venne in Abruzzo e aprì  “Confezioni Stella”, un micro laboratorio specializzato nell’alta sartoria divenuto poi Stella Fashion, azienda che nella massima espansione ha toccato gli oltre 120 dipendenti, e oggi tramutato in Hosi Concept, eccellenza della manifattura tessile.

“La struttura è nata 4 anni fa – racconta a Virtù Quotidiane l’imprenditore Gianni Tonon -. In seguito a dei viaggi fatti, abbiamo avuto l’idea di creare qualcosa che ci piaceva nella ristorazione. È stata una sfida architettonica, mettendo in piedi un locale poggiato su 4 pilastri e poi una sfida nel progetto, dove tutto è curato nei minimi dettagli perché è il particolare che fa la differenza”.

“Abbiamo voluto creare il modello ideale di ospitalità per noi – aggiunge Elena – quello che ci ha fatto sentire a casa durante i nostri viaggi, con l’obiettivo di far sentire a casa chi arriva qui e trasferire le nostre esperienze di cucina e sapori particolari, ma legati al territorio”.

A The Coat la contaminazione è il primo ingrediente. Le lavorazioni in cucina spesso tipicamente orientali vengono applicate dallo chef, Mirco D’Amico, a materie prime abruzzesi. Tutti presidi Slow Food che vengono raccontati in una narrazione completamente diversa. In sala l’accoglienza è affidata nelle mani di Manuel Di Michele che racconta e illustra i piatti con professionalità e passione e Tommaso Mauro, che gestisce il beverage proponendo, seguendo la stessa filosofia della cucina, una proposta di drink, vini, e acque speciali.

Lo staff The Coat

“Abbiamo fatto una ricerca capillare sulla stagionalità, sui prodotti abruzzesi e su come abbinarli a una cucina più sperimentale – specifica lo chef, con esperienze passate tra Abruzzo, Milano, ma anche in Giappone -. Ne è venuto fuori un menù con razze autoctone e il nostro pescato, rivisitati in chiave moderna e utilizzati in maniera completamente diversa”.

Ecco allora che i ravioli di cristallo si riempiono di branzino dell’adriatico, lo sgombro viene sottoposto alla marinatura di Shime Saba (con sale e aceto di riso) e affiancato da maionese alla soia, uova di balck cod e fiori BlinQ Blossom; e il brodetto alla pescarese con pescato dell’Adriatico si accosta a fungo orecchio giapponese, brodo di crostacei, latte di cocco, peperoncino e lemongrass; o ancora il gelato alla crema con uova di gallina Truentum (antica specie abruzzese dalle uova azzurre) viene rafforzato da una salsa di soia invecchiata, un biscotto allo yuzu e ruby chocolate.

Il brodetto The Coat

Ma The Coat non è solo un ristorante. È il punto di partenza di un brand, articolato, che da Cepagatti toccherà anche la Costa dei Trabocchi e Spoltore (Pescara) nel settore ricettivo. A San Vito Chietino (Chieti) nel 2023 sorgerà al posto dell’hotel anni ’50 Miramare, un mega albergo di lusso, con suite ampissime vista mare e un rooftop che sarà un ristorante aperto anche al pubblico esterno all’albergo.  A pochi passi un trabocco sempre parte del gruppo. E a Spoltore nelle villa cinquecentesca De Cesaris e nel palazzo Toppi, il vecchio municipio, Tonon metterà in piedi un altro albergo di lusso, con un ristorante da 150 metri quadri.

 LE FOTO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022