IL PREMIO ILARIA RAMBALDI PER LE TESI DI LAUREA CHE SI OCCUPANO DI MITIGAZIONE DEI RISCHI


L’AQUILA – Nel 2009 Ilaria Rambaldi era, come me, una giovane studentessa di Ingegneria Edile-Architettura dell’Università dell’Aquila. Insieme stavamo portando a termine il nostro percorso di studi con una tesi in tecnica urbanistica.

Il 6 aprile 2009, purtroppo Ilaria è stata vittima del crollo dell’edificio in cui viveva in Via Campo di Fossa, L’Aquila. Da quel giorno, la mamma di Ilaria, l’avvocato Maria Grazia Piccinini, insieme ai suoi amici hanno fondato l’Associazione Ilaria Rambaldi Onlus.

Come si evince dallo statuto “lo scopo dell’Associazione è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica perché ci si renda conto che rispettare il territorio e la natura così come rispettare le norme previste in materia di costruzioni e sicurezza, diventino una esigenza primaria di ogni cittadino”.

Tra le tante attività portate avanti dalle associazioni ricordiamo: premi di Laurea, borse di studio, premi giornalistici, organizzazione convegni, corsi, conferenze e dibattiti in materia di prevenzione dei rischi, in particolare quello sismico. Tra i vari convegni quello del 11 aprile 2015 ha visto, tra i tanti relatori, la partecipazione anche dell’Architetto di fama internazionale Mario Cucinella.

A partire dall’anno accademico 2013/2014 la Onlus ha istituito un Premio nazionale per ricordare Ilaria. Il premio rientra nelle finalità dell’associazione che intende valorizzare attraverso questa iniziativa il merito delle giovani laureate in Ingegneria Edile, Ingegneria Edile-Architettura, Ingegneria Civile, Architettura e Pianificazione, nonché attivare nuove sinergie con le istituzioni pubbliche e private cui fanno capo i soggetti ospitanti e del territorio nelle tematiche della sicurezza e prevenzione.

Il concorso, arrivato alla sesta edizione, ha ricevuto anche quest’anno il supporto scientifico dell’Università degli studi dell’Aquila e dell’Istituto nazionale di Urbanistica. Il bando, che scade l’8 novembre 2021, è disponibile all’indirizzo https://www.inu.it/wp-content/uploads/bando-ilaria-rambaldi-2021-def.pdf.

Nel 2020 la Onlus, a causa dello stop imposto dal periodo storico, non ha bandito il Premio ma ha comunque commissionato un murales all’artista Alessandra Carloni. Un dipinto, presso la sede di Ingegneria dell’Università degli studi dell’Aquila, in ricordo di Ilaria e tutti i ragazzi che hanno perso la vita la notte del 6 aprile.

Nel murales è raffigurata un’Aquila, che con alcuni monumenti sul dorso rappresenta il capoluogo abruzzese e, che trasportata da una mongolfiera, vola e porta con sé un orologio fermo all’ora del sisma, e sul rapace ci sono alcuni ragazzi che viaggiano verso il futuro senza dimenticare il passato, un monito per chiunque lo guardi.

Come ci raccontano i membri dall’associazione “questa realizzazione è solo il primo passo di un nuovo percorso progettuale per l’Associazione Ilaria Rambaldi Onlus, che non ha mai rinunciato e mai rinuncerà a tener vivo il ricordo di quanto tragicamente accaduto, perché, solo la memoria storica, evita il ripetersi di errori”. Luana Di Lodovico

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022