ADDIO A NICOLA PIETRANTONJ, UN PEZZO DI STORIA DELLA VITICOLTURA ABRUZZESE


VITTORITO – Il mondo del vino abruzzese perde un pezzo da novanta, che ha segnato la storia della viticoltura regionale: a 80 anni se n’è andato Nicola Pietrantonj, erede dell’antica cantina di Vittorito (L’Aquila).

Negli anni Cinquanta fu tra i fondatori dell’Unione provinciale degli agricoltori, che poi divenne Confagricoltura L’Aquila. Ma l’azienda nasce con i suoi trisavoli, nel lontano 1791. La storica sede nel cuore del paese è un autentico museo e, nei sotterranei, custodisce le botti di rovere e noce probabilmente più grandi d’Europa, realizzate nel 1870 e ancor oggi in uso. In un altra struttura, poco distante, delle grandiose cisterne dalla capacità di 1.402 ettolitri collocate a 14 metri sotto il livello stradale con il rivestimento interno con piastrelle in vetro di Murano sono un’autentica attrattiva.

Oggi a portare avanti l’azienda ci sono due delle tre figlie, Alice (con lui nella foto), straordinaria padrona di casa che apre le porte e accoglie turisti da tutto il mondo, e Roberta, responsabile commerciale.

A loro, all’altra figlia Serena, come a tutto il resto della famiglia le condoglianze della redazione di Virtù Quotidiane.

I funerali si terranno domani alle 11 nella chiesa parrocchiale Madonna della Neve di Vittorito.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022