BOOM DI VENDITA DI UOVA, PER PASQUA SE NE CONSUMERANNO 400 MILIONI


ROMA – Saranno 400 milioni per un valore di circa 120 milioni di euro le uova consumate durante la settimana santa per piatti tipici, prodotti artigianali e industriali.

È quanto stima in prossimità della Pasqua Unaitalia, l’associazione che rappresenta il 92% della produzione avicola nazionale.

“Si conferma la passione degli italiani per le uova – dice il presidente Antonio Forlin – autentiche regine del carrello durante il primo lockdown e tra i prodotti maggiormente apprezzati dal consumatore nel 2020″.

Secondo dati Ismea, infatti, gli acquisti sono aumentati del 14% in valore e del 12,5% in volume. E per il 2020 la produzione si attesterà a 12,4 miliardi con un consumo pro-capite annuale di 216 uova.

Un’Italia, dunque, dove le uova d’oro tornano protagoniste di innumerevoli ricette di derivazione regionale: dalla crescia valdostana alla ligure torta pasqualina, dal bensone modenese, passando per l’agnello “cacio e ova” delle montagne abruzzesi fino al celebre casatiello campano.

Un viaggio culinario da Nord a Sud tutto da raccontare e sperimentare, con i segreti raccolti da Unaitalia e raccontati sui social attraverso la community di www.vivailpollo.it.

Sulla pagina Facebook, con l’hashtag #wilpollo, gli appassionati potranno condividere le loro ricette pasquali a base di uova, le più gustose entreranno a far parte del “ricettario delle uova” e verranno pubblicate sul sito vivailpollo.it, a disposizione di chi vorrà cimentarsi ai fornelli nel giorno di Pasqua.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021