PARCO SIRENTE VELINO, RISTRUTTURAZIONE DI VILLA CIDONIO E VALORIZZAZIONE DELLA CAMOSCIARA PER ATTRARRE TURISTI


ROCCA DI MEZZO – Il Parco regionale Sirente Velino è a lavoro su un nuovo progetto che prevede la ristrutturazione della sede di Villa Cidonio, a Rocca di Mezzo (L’Aquila), e la valorizzazione del Centro visite del Camoscio Appenninico, per trasformare le strutture del Parco in hub multifunzionali che richiamino turisti.

L’ente candida un progetto ambizioso, denominato “ICE Park interaction and experiential culture in the park” al bando Misura B2.2, relativo a “Contributi destinati a soggetti pubblici per Accordi e Partenariati speciali pubblico-privato, per la valorizzazione del patrimonio culturale, ambientale e pubblico”, il programma di intervento per le aree del terremoto del 2009 e del 2016 e del Piano nazionale complementare al Pnrr. Il piano – informa una nota – si pone in continuità con l’azione di promozione del territorio messa in campo dal Parco regionale Sirente Velino, attraverso azioni condivise con le sue comunità.

Il progetto “Ice park interaction and experiential culture in the park” è stato, infatti, elaborato insieme ai Comuni del territorio Parco: quei paesi che ricadono nel cratere 2009.

Il progetto si annovera tra le azioni previste nell’ambito della Green Community – il Parco Sirente Velino è tra le prime Green Communities d’Italia – e, inoltre, viene proposto a integrazione degli obiettivi della Carta Europea del Turismo Sostenibile, riconoscimento recentemente ottenuto dal Parco.

“Confidiamo che la nostra proposta vada a buon fine”, dice nella nota il presidente Francesco D’Amore, “perché, insieme a quanto già messo in cantiere, condurre questo progetto in porto significherebbe dare veramente vita ad un nuovo Parco, con lo sguardo rivolto al futuro”.

Obiettivi del progetto candidato al bando? Rivitalizzare il tessuto sociale ed economico del territorio, creando nuovi servizi culturali e turistici e mettendo a sistema quelli esistenti. Azioni finalizzate, tra le altre cose, a creare opportunità di lavoro. Nello specifico, il progetto prevede lavori di ristrutturazione e consolidamento del compendio Villa Cidonio, sede del Parco regionale. La struttura è destinata ad includere spazi aperti alla comunità. Tra l’altro, previste l’opera di valorizzazione del Centro visite del Camoscio Appenninico e, ancora, la creazione di un Ecomuseo diffuso.

La sostenibilità economica del progetto è garantita dalla presenza attiva di un partner privato, la rete d’impresa per l’educazione ambientale e l’ecoturismo Esisa, già operante da tempo nell’area parco, che ha un’approfondita conoscenza delle opportunità e, al contempo, delle criticità che caratterizzano quest’area.

“È stato un lavoro progettuale d’insieme che ha visto la partecipazione di diverse professionalità, oltre a quelle dell’Ente. È importantissimo seguire questa strada, quella che ci vede pronti e volenterosi di cogliere il momento giusto per definire progettualità di sviluppo”, afferma il direttore del Parco Sirente Velino, Igino Chiuchiarelli.

Al centro del progetto la professionalizzazione e l’impresa, con la scommessa di trasformare le strutture dell’Ente Parco in hub multifunzionali a valenza turistica: quindi centro di servizi educativi, formativi e sociali, con l’intento di stimolare l’occupazione di giovani e donne. Il programma di sviluppo si avvale dell’adesione di partner significativi quali: il Ministero della Cultura, la Soprintendenza archeologica belle arti e paesaggio per le provincie dell’Aquila e Teramo, la Regione Abruzzo, l’Assessorato regionale all’Agricoltura, caccia e pesca, parchi e riserve naturali, Provincia dell’Aquila, Università dell’Aquila-Piano strategico d’Ateneo 2020/2025, la Dmc AQ Abruzzo qualità, il Gal Gran Sasso Velino.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2023