PIENONE ALL’AQUILA NELLA PRIMA SERATA DI RIAPERTURE DOPO SEI MESI


L’AQUILA – Tavolini dei locali pieni nel centro storico dell’Aquila nella prima giornata di riaperture.

Dopo sei mesi i ristoranti possono tornare a servire pranzo e cena, e i bar a somministrare al tavolo purché solo all’aperto. E in un batter d’occhio, sin dalle prime ore della mattinata, vie e piazze si sono riempite di tavolini e ombrelloni. Poi, via via, riempitisi di gente, con il clou in serata per l’aperitivo.

L’attenzione ora è tutta rivolta al meteo, che in una delle città più fredde d’Italia gioca un ruolo chiave, e al rispetto delle regole, per non rischiare di ripiombare in zona arancione con conseguenti nuove chiusure.

“Basta demonizzare i pubblici esercizi, abbiamo sempre fatto il nostro meglio per garantire la sicurezza, noi facciamo divertire ma non ci divertiamo, per noi è lavoro”, dice Antonio Tresca del Vermuttino, in Piazza Regina Margherita, “l’auspicio è che tutti si comportino rispettando le regole e che il meteo sia favorevole”.

“La gente ha risposto molto positivamente sia a pranzo che a cena e si è comportata rispettando tutte le regole”, dice Massimiliano Di Marco dell’Irish, in via Verdi.

Resta comunque in vigore il coprifuoco dalle 22. L’Abruzzo era in zona arancione dallo scorso 14 febbraio, anche se in questi mesi gran parte della regione è stata in zona rossa per effetto di ordinanze regionali.

LE FOTO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021