L’ABRUZZO A TUTELA DI BIODIVERSITÀ E SOSTENIBILITÀ


L’AQUILA – Sensibilizzare la collettività e influenzare le direttive future a favore della sostenibilità. È questo l’obiettivo del nuovo protocollo firmato da Confindustria L’Aquila Abruzzo Interno e Parco Gran Sasso-Monti della Laga, solo qualche giorno fa.

Una notizia importantissima, in ottica presente e futura, come si evince dalla soddisfazione che trapela dalle parole di Riccardo Podda. Il presidente di Confindustria L’Aquila, infatti, ha sottolineato la centralità delle aree protette nello sviluppo socio-culturale ed eco-sostenibile di ogni luogo e regione. Non solo un’opportunità per aggregarsi quindi, ma anche una funzione strategica nel processo di conservazione della biodiversità, uno degli ingranaggi principali in quello che è lo sviluppo sociale ed economico dei nostri luoghi.

Sono questi quindi gli obiettivi e le motivazioni che caratterizzano questa importante collaborazione, che punta a essere il più inclusiva possibile. Confindustria e il Parco Gran Sasso-Monti della Laga, per contribuire a questa sinergia tra umani e natura, sta realizzando percorsi educativi e formativi, continuando però con la sperimentazione. La speranza, infatti, è quella di concepire nuove strutture sociali e organizzative in grado di rendere la nostra vita sempre più sostenibile. Una vera e propria sinergia dunque, in cui ogni elemento deve avere un ruolo fondamentale e portare a una crescita congrua, negli anni a venire. Non solo le attività umane ma anche gli ambienti naturali come parchi e aree protette.

Ecco che allora l’adesione delle imprese del territorio può risultare decisiva per ridurre i tempi del processo. L’organizzazione di programmi di formazione e sensibilizzazione all’interno delle aziende, ad esempio, può essere un passo decisivo. Così come in campo accademico potrebbe esserlo l’inserimento di veri e propri corsi di studio, in scuole e università.

Tra l’altro, non è la prima volta che in tempi recenti la regione Abruzzo si dimostra attenta a temi come la biodiversità e la sostenibilità. Gli ultimi giorni del mese scorso, d’altronde, sono serviti a selezionare ben 71 operatori volontari di Servizio civile universale (Scu) che prenderanno parte a due progetti organizzati dal Parco Nazionale della Majella, dalla durata di 12 mesi.

Anche in questo caso, l’obiettivo è proprio quello di tutelare la biodiversità del parco, in ottica presente e futura. Proprio per questo, lo scorso 14 gennaio è stato organizzato un incontro online che è stata l’occasione per illustrare nel dettaglio il progetto a tutti coloro che ne prenderanno parte, in età compresa tra i 18 e i 28 anni, e le attività a cui parteciperanno. Si tratta, per la maggior parte, di iniziative gestionali, di pulizia e manutenzione dei tanti luoghi da preservare distribuiti nella regione. Le province interessate saranno principalmente quella di Pescara, Chieti e l’Aquila.

L’Abruzzo si dimostra quindi attivissimo nei confronti di tematiche come la biodiversità e la sostenibilità, confermando la linea italiana. A dimostrazione di quanto detto, va sicuramente citata la collaborazione tra Just Eat e Life Gate che al termine dello scorso anno ha portato alla nascita della prima guida sul food delivery sostenibile. Un passo avanti importantissimo, a livello nazionale, che però è semplicemente in linea con il sempre più crescente interesse globale nei confronti della sostenibilità. Basti pensare al successo avuto dalla Giornata della Terra, che nella sua edizione di ormai due anni fa ha raccolto alcune tra le più importanti aziende al mondo per discutere nuove regolamentazioni, proprio a favore della sostenibilità.

Il trend è quindi chiaro. L’epoca in cui viviamo, il periodo storico che stiamo attraversando non lascia spazio a interpretazioni. Le necessità odierne vanno tutte nella direzione che l’Abruzzo, e non solo, sembra volere percorrere. Lavorare al fine di creare e supportare una sinergia il più sostenibile possibile tra l’uomo e le risorse naturali non è più soltanto uno scopo nobile, ma una necessità assoluta. Farlo, dunque, è un modo per dimostrarsi al passo con i tempi, creando opportunità economiche e professionali e gettando le basi per un futuro migliore. E per riuscirci è necessario lo sforzo di tutti, guidati da iniziative sempre più sostenibili.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022