LA CANADESE KAITLYN STEWART MIGLIOR BARTENDER DEL MONDO


ROMA – Un mix di grinta e fascino femminile trionfa nel pianeta della mixology: la canadese Kaitlyn Stewart del Royal Dinette di Vancouver è stata proclamata “Miglior Bartender del mondo” alla finale globale di Città del Messico del World Class Bartender of the Year 2017, competizione promosso da Diageo Reserve che mette in luce le ultime tendenze del bere miscelato a base luxury spirits.

Obiettivo dell’evento è, come sottolineano i promotori, “ispirare a bere meglio e delineare il futuro del drinking, a casa come al bar”.

La competizione mette in gara più di 10.000 bartender provenienti da 57 paesi per confrontarsi con brand ultra premium come vodka Ketel One e Croc, tequila Don Julio, gin Tanqueray No TEN, bourbon Bulleit, rum Zacapa, blended scotch whisky Johnnie Walker Blue Label e single malt come Talisker e Lagavulin.

In una settimana di gare, Kaitlynha dimostrato di saper superare le sfide che hanno messo alla prova le sue abilità e quelle di altri 54 concorrenti provenienti da tutto il mondo (per l’Italia ha gareggiato Mirko Turconi del Piano 35 di Torino).

È sopravvissuta alla prova del fuoco della sfida Heat of the Moment dimostrando di saper creare un cocktail integrando il meglio delle tecniche culinarie a quella della miscelazione.

”I cocktail – ha detto la Stewart, ritirando il titolo di Bartender of the Year 2017 – sono più che mai sulla cresta dell’onda ed essere protagonista e portavoce di questo momento d’oro, promuovendo l’idea di usare i migliori ingredienti e le migliori ricette per creare miscele sempre originali è qualcosa che mi ha sempre appassionato e ho adorato in ogni singolo momento di questa esperienza”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021