FAGNANO ALTO, IL SOGNO DELLA RETE TURISTICA DELLA VALLE SUBEQUANA


FAGNANO ALTO – Spegne la prima candelina tra qualche giorno l’Albergo diffuso Castello di Fagnano Alto, nell’omonimo borgo della Valle Subequana, luogo incantato della provincia dell’Aquila che, complice il forte spopolamento dei decenni scorsi, ha mantenuto un carattere incontaminato dei suoi paesi e dell’ambiente naturale.

“Abbiamo registrato un gran numero di presenze sin dai primi giorni di apertura, con alcuni periodi dell’anno in overbooking”, dice a Virtù Quotidiane Antonio Manna, ingegnere originario del paese che insieme alla moglie Arianna ha recuperato due edifici dell’antico borgo, con l’obiettivo di acquisirne e ristrutturarne degli altri.

“A Capodanno, ad esempio, se avessi avuto altre 20 camere le avrei riempite tutte”, aggiunge. “Come ci trovano? Attraverso le piattaforme online, ma molto lo dobbiamo anche al passaparola, grazie al quale da noi arrivano persone di Roma, ma anche dalla blasonata Toscana, piuttosto che dall’Umbria. Peraltro offriamo un servizio che in altre regioni costerebbe molto di più”.

A soli 21 chilometri da L’Aquila, all’interno del Parco regionale Sirente Velino, Castello si trova a 876 metri sul livello del mare e da qui si dipanano sentieri in cui poter fare trekking o camminate a cavallo, raggiungere i paesi vicini, come Fontecchio o Castelvecchio Subequo, visitare siti naturalistici di pregio come le Grotte di Stiffe, degustare prodotti tipici locali nei ristoranti della zona.

Ma il valore aggiunto dell’Albergo diffuso è la piscina con vista sulla Valle e la spa, caso più unico che raro per le strutture ricettive della zona.

E l’ambizione è quella di fare rete: “Ci sono delle valide potenzialità, operatori che già operano da tempo, è ora di organizzarsi perché da soli non si va da nessuna parte”, rileva Manna, “se ci mettiamo insieme potremmo finalmente vincere quella scommessa di rilancio delle tanto blaterate aree interne che, ahimé, a oggi sono ancora fuori dalla logica dello sviluppo turistico.”

LE FOTO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.