FERMO BIOLOGICO: PER ARMATORI STOP ALLA PESCA INSOSTENIBILE PER 6 SETTIMANE


TERMOLI – Dal 26 agosto all’8 ottobre prossimo le imprese di pesca da San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) a Termoli (Campobasso) si fermeranno, sei settimane di “fermo obbligatorio, di cui quattro forse retribuite”.

A parlare è Basso Cannarsa, presidente di Ma.Mol.Ab, la Rete di imprese di pesca del Medio Adriatico.

“Gli armatori si accingono a fermarsi per il terzo anno consecutivo senza veder nessun soldo né per i marittimi né per le imprese” dichiara Cannarsa, e soprattutto “nonostante non sia stato pagato il fermo pesca 2015”.

“Ancora una volta il fermo inizia in un contesto in cui il nostro mare è privo di pesce. Mentre alle imprese italiane vengono sempre più ridotte sia le giornate sia le zone di pesca, a quelle della Croazia è consentito di pescare anche sabato e domenica, dando la possibilità di rifornire i mercati italiani dal lunedì mattina quando i motopescherecci italiani prendono il largo con i mercati già sazi”. Per Cannarsa una situazione “davvero insostenibile”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022