FESTA DEL BUE GRASSO, FOLLA A CARRÙ PER DEGUSTARE IL BOLLITO MISTO


CARRÙ – Migliaia di persone, oggi, a Carrù (Cuneo), per la 107a edizione della “Fiera del bue grasso”, molte arrivate su viaggi speciale in bus da Piemonte, Liguria e Lombardia per gustare il bollito misto servito dalle prime ore del mattino in tutti i ristoranti e, per iniziativa, della Pro Loco, anche sotto l’area coperta.

Il “bollito no stop” continuerà sino a notte.

In piazza del Foro Boario, invece, nel “Bue stadium”capace di 800 posti a sedere, si è svolta la premiazione dei migliori capi, fra i 104 ammessi. L’esemplare migliore è risultato “Poli”, 1.320 chili di peso, allevato da Luigi Carlo Vallino di Marene (Cuneo).

Dello stesso allevatore anche il bue più pesante, “Trono” dal peso di 1.380 kg. Il premio per il bue meglio preparato portato in Fiera, assegnato dall’Associazione nazionale allevatori di bovini di razza piemontese (Anaborapi) è andato a un bue di otto anni, non destinato al macello, ma tuttora utilizzato per lavorare nei campi ed allevato da Cati Gavello di San Paolo Solbrito (Asti).

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2020