L’AQUILA, RIPARTE LA MOVIDA: IL CENTRO È UNO SPETTACOLO


L’AQUILA – Dopo la prima settimana in cui a riaprire erano stati in ben pochi e la seconda di transizione, nonostante il tempo incerto e qualche goccia di pioggia la terza settimana di post-lockdown fa segnare all’Aquila una vivace ripresa della movida.

Locali quasi tutti aperti in centro storico, bar, pub, enoteche e ristoranti dopo essersi riorganizzati per rispettare le misure di sicurezza hanno in gran parte ripreso le attività offrendo un’ampia gamma di opportunità dall’aperitivo al dopocena.

In piazza Regina Margherita e in piazza Chiarino sono tornati i primi tavolini che si sono riempiti sin dall’aperitivo.

Tranne rari casi di insofferenza da parte del solito sparuto gruppo di residenti appassionati alle polemiche, la vita serale sembra scorrere pacificamente e nel rispetto reciproco, anche grazie al nuovo approccio delle forze dell’ordine, teso a una presenza discreta che abbia scopo preventivo più che repressivo.

Ieri sera è stato, tra l’altro, il primo giovedì da quando è entrata in vigore l’ordinanza che, tra le altre cose, obbliga a indossare la mascherina anche all’aperto e ribadisce il divieto del botellon e il popolo della movida sembra aver risposto con il massimo rispetto delle regole.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.