L’EREMO DI SAN BARTOLOMEO IN LEGIO, MAGIA NELLA ROCCIA A ROCCAMORICE


ROCCAMORICE – Oltre che un luogo della memoria, Roccamorice era ed è un luogo della spiritualità, del silenzio e della preghiera. Gli eremi di Santo Spirito e di San Bartolomeo in Legio ne segnano, infatti, l’esistenza e motivano la nostra visita.

Su tutto ed ogni cosa aleggia, protettiva la figura di Pietro Angelerio che qui elesse dimora, operò e soggiornò cercando il suo quotidiano contatto con Dio. Mille abitanti strade strette, case allineate e poi, verso la montagna, capanne in pietra a ricordarci quella che fu la prevalente attività della gente del posto: la pastorizia.

Più avanti passando e salendo per una stradina impervia ,con lo sguardo ammaliato e la fatica che ci prende e ci attanaglia ,scorgiamo l’Eremo di San Bartolomeo.

Leggende, storie misteriose ,pensieri e strane sensazioni affollano la nostra mente e prendono il nostro corpo. Lo scenario, tutto intorno, assume e si veste dei colori della mezza estate. Non udiamo grida non ci sono inutili schiamazzi. Solo lunghi ,interminabili silenzi fatti di voci e sussurri percepiti dal cuore e dalla fantasia.

È il luogo dell’anima, la strada per il paradiso in terra che, scendendo ci porta all’Eremo e ci avvicina al Cielo. Un tetto di roccia lo protegge. Una scala, scavata, quasi incisa nella pietra viva, ci consente l’ingresso. Gli ex voto sulle pareti, la statua lignea del Santo , l’acqua. Un’acqua da raccogliere, da portare via che, la credenza popolare vuole miracolosa ,adatta per curare piaghe ,ferite e per infondere l’ultima speranza ai moribondi.

Una speranza che in questo luogo dello Spirito ,si rinfocola e riaccende come la fiamma prima flebile,poi prorompente in ogni cuore e dentro di noi.

“Infiniti spazi, silenzi e cielo che si perde, dove l’occhio non può arrivare ,nella stanza del mio ascolto. È qui che mi trovo, in nessun anno in nessun millennio. È quello che riesco a sentire, la mia musica, come suono giunto da lontano che la mente non può afferrare”. (Pierpaolo Bellucci)

*giornalista Rai e scrittore

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022