MILANO, INAUGURATO “MAGNA & TRINKA”: DALL’ABRUZZO ARROSTICINI E ALTRI SAPORI DEL CENTRO ITALIA


MILANO – La ristorazione è uno dei settori più colpiti dalla crisi economica in atto ma, nonostante questo, c’è ancora chi sceglie di scommettere e di avviare la propria attività nonostante il momento sia ancora complicato.

Tra questi Massimiliano Rossi, originario di Cavalletto d’Ocre (L’Aquila) ma meneghino di adozione, che nella giornata di ieri ha inaugurato a Milano Magna&Trinka, il suo nuovo locale in Piazza Morselli che servirà principalmente arrosticini e altre pietanze abruzzesi o comunque provenienti dal centro Italia.

Un progetto, quello di Magna&Trinka, che Rossi ha deciso di portare avanti insieme alla sua compagna Undral Battulga, a dispetto delle difficoltà legate all’attuale situazione sanitaria, e che è solo l’ultima esperienza dell’imprenditore nell’ambito della ristorazione.

Già in passato, infatti, insieme al teatino Giampiero Secondini, è stato anche titolare di altri locali situati nel capoluogo lombardo: Spiducci per esempio, aperto da qualche anno in zona Isola, Rost Eat, inaugurato invece una decina di anni fa in via Vigevano e Rustell, street food tutto abruzzese in zona Buonarroti, da 4 anni meta dagli amanti degli arrosticini del capoluogo lombardo e recentemente recensito dal quotidiano Il Corriere della Sera tra le prime sei mete imperdibili in zona Buonarroti.

Tutti ristoranti specializzati, come anche per Magna&Trinka, nella preparazione di piatti abruzzesi, attraverso l’utilizzo di materie prime reperite direttamente dai laboratori artigianali e dai piccoli produttori locali.

“Le materie primi ci arriveranno a Milano direttamente ‘da giù’ – ha spiegato Rossi a Virtù Quotidiane – , grazie anche alla collaborazione con un e-commerce di Ariccia, Ilgustoonline.com e con cui, tra le altre cose, ci occuperemo della rivendita di cibo e di altre bontà provenienti da tutto il centro Italia”.

Dal pane di grano Solina, alla mortadella con gli orapi, passando per la porchetta, i formaggi locali e altre pietanze tipiche della cucina laziale e marchigiana. Oltre all’arrosticino, l’emblema della gastronomia abruzzese. Queste le principali pietanze che verranno servite all’interno del locale, situato in una delle zone maggiormente frequentate in città. Quella in cui, a partire dagli anni 20, si è concentrata l’operosa comunità cinese, che in precedenza era nota come e Borgo degli Ortolani, così denominata per la presenza di diverse cascine che producevano prodotti ortofrutticoli.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021