“TERAMO NATURA INDOMITA”, SI PARTE: 150 EVENTI PER UN’ESTATE FRA ARTE, CULTURA ED ENOGASTRONOMIA


TERAMO – Parte l’estate teramana. Dal 2 luglio al 27 settembre la città spalanca le porte all’arte, alla cultura, all’enogastronomia. Dal centro storico all’ampio spazio verde del parco fluviale, decine di location ospiteranno installazioni architettoniche, concerti, spettacoli di danza e teatro, laboratori didattici, incontri letterari, attività sportive, convegni sull’alimentazione e tour dedicati alla cucina locale.

Teramo Natura Indomita, dopo il successo della scorsa estate, torna in grande stile quest’anno con un calendario ricchissimo di appuntamenti: oltre 150 eventi spalmati in 80 giorni, con ulteriori iniziative che si andranno ad aggiungere nelle prossime settimane.

Questa mattina la manifestazione è stata presentata ufficialmente dall’assessore agli eventi del Comune di Teramo Antonio Filipponi, dall’assessore comunale alla cultura Andrea Core e dal sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto. Con loro anche i rappresentanti dei tanti enti e delle associazioni che hanno contribuito all’organizzazione del calendario estivo. Una vera e propria “rete che ha saputo costruire qualcosa di bello ed unico, dando forza e valore ad un contenitore di eventi di alto livello” ha detto in conferenza stampa Filipponi.

“Respira i colori della città”: questo il titolo della seconda edizione di Teramo Natura Indomita che si propone come un invito ai visitatori a cercare i colori della città, ma anche quelli che arrivano dalle emozioni suscitate dall’arte. Resta centrale l’attenzione alla sostenibilità ambientale che vedrà diversi eventi dedicati, ma anche alla promozione culturale della città a tutto tondo. In quest’ottica si inseriscono le aperture per tutta l’estate della Pinacoteca comunale e dei siti archeologici della Madonna delle Grazie e di piazza Sant’Anna, le installazioni architettoniche moderne cariche di colore e movimento in diversi punti della città, gli spettacoli teatrali in angoli cittadini suggestivi.

E poi i concerti, che dal 2 luglio animeranno la città grazie anche alla collaborazione di Abruzzo dal vivo: dal jazz alla musica classica, dal pop al rock, sonorità per tutti i gusti. Fra i nomi di richiamo Paolo Fresu il 18 luglio; il 21 luglio Alice canta Battiato; Sergio Cammariere e Fabrizio Bosso il 28 luglio; Michele Bravi l’8 agosto; Lo stato sociale il 15 agosto. Solo per citarne alcuni.

Quello che prende il via a Teramo sarà un percorso lungo 80 giorni che punta ad attirare turisti e a far sì che i teramani stessi possano restare ed apprezzare una città che fino a qualche tempo fa si svuotava del tutto durante l’estate. Alla volontà da parte degli organizzatori di attrarre visitatori si accompagna quella di promuovere Teramo, sotto ogni profilo.

E una delle carte vincenti da giocare sarà l’enogastronomia. Convegni e percorsi del gusto saranno messi in campo dalla metà di luglio con lo scopo di valorizzare i prodotti locali e divulgare la cucina teramana. Un pacchetto di iniziative che verrà presentato nel dettaglio nei prossimi giorni e che vedrà una duplice location: il centro storico con i suoi ristoranti e le vie del gusto ed il parco fluviale dove già dal 2 luglio sarà allestita una vasta area food. Ed è in dirittura d’arrivo l’App scopri Teramo: una mappa con annessa guida turistica che permetterà di conoscere luoghi, storie e ristoranti della città.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021