UN ANNO DALLA SCOMPARSA DI CHECCHINO BERNARDI

Botti della cantina Falalani

L’AQUILA – Oggi, 20 settembre, cade il primo anniversario della scomparsa di Francesco “Checchino” Bernardi. Insieme ai fratelli, era lo storico proprietario della cantina dei Falalani, cui Virtù Quotidiane dedicò un reportage poco più di due anni fa, nel centro storico dell’Aquila.

Oltre ad essere voce e corpo della cantina in via degli Scardassieri, Bernardi era conosciuto in città come uno degli allenatori storici dell’Oratoriana Calcio, cui dedicò decenni della sua vita, dopo aver allenato in numerose squadre del territorio e aver vestito da giocatore la maglia rossoblu dell’Aquila Calcio.

Come per la cantina – che veniva aperta a tutti, anche alle fasce deboli della comunità soprattutto nei mesi freddi dell’inverno aquilano – anche nel calcio è stato ricordato un anno fa da numerose persone e organizzazioni, per il suo animo buono.

Oggi, nel primo anniversario, a ricordare su Facebook il commerciante aquilano ci ha pensato anche il progetto sportivo e sociale United L’Aquila, squadra di migranti e italiani militante nella terza categoria aquilana e allenata dal nipote Antonello Bernardi.

 

 

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.