VIAGGIO NEL MONTEPULCIANO D’ABRUZZO ALLA FIERA CINESE DI CANTON


PESCARA – Dal 16 al 18 agosto, nell’Area B della Fiera di Canton di Guangzhou, si è tenuta in grande stile la Guangzhou International Famous Wine Exhibition 2022. Con un’area espositiva di 30.000 metri quadrati, 800 espositori provenienti da 25 Paesi e oltre 10.000 vini in esposizione, Interwine si conferma un evento di spicco nel settore del vino in Cina.

Anche per questa edizione Wine Channel, società di comunicazione ed export con sede in Italia e in Cina, è stata presente in fiera con Enoteca Italia, l’area dedicata alla promozione, conoscenza e degustazione di vini italiani. Con più di 30 cantine vinicole ed oltre cento etichette in degustazione, il “bistrot” si è rivelato ancora una volta un punto di riferimento per buyer e distributori interessati ad acquistare vino italiano o ad ampliare la propria rete di opportunità con il nostro Paese. Una vera e propria enoteca dove poter entrare in contatto diretto con i produttori e, grazie al personale cinese esperto e professionale, conoscere e degustare vini provenienti da diverse regioni d’Italia: dalle romantiche colline toscane agli incantevoli vigneti veneti, dal cuore dell’Abruzzo al sud Italia, dove i vini pugliesi stanno attirando sempre più l’attenzione degli amanti del vino.

L’Italia del vino a Interwine è stata quindi ben rappresentata, offrendo ai visitatori la possibilità di assaggiare e conoscere produzioni diverse, dagli aromi di vini rossi intensi e strutturati come Negroamaro, Primitivo, Montepulciano d’Abruzzo, Aglianico e così via, e ovviamente gli iconici Amarone della Valpolicella, Chianti Classico e Barolo o sparkling ricercati come il Prosecco, il Moscato e il Lambrusco.

Presente anche il Consorzio di Tutela dei vini d’Abruzzo con un proprio spazio dedicato ai vini della regione verde d’Europa, con particolare riguardo al Montepulciano d’Abruzzo, un vino che incontra il gusto dei consumatori e professionisti cinesi combinando struttura e piacevolezza. E sempre il Montepulciano d’Abruzzo è stato protagonista della masterclass guidata dalla wine expert Sabina Yang, che come sempre ha saputo condurre gli oltre 50 ospiti presenti in sala in un viaggio tra le diverse zone d’Abruzzo raccontando storia, geografia, clima e caratteristiche del questo terroir della quinta area di produzione più grande d’Italia, portando i partecipanti ad assaggiare i pregiati vini in degustazione. La seconda masterclass in programma è stata invece dedicata ad un viaggio gustativo tra i Vini d’Italia da nord a sud, guidata dal wine expert Leo Kong.

“Siamo molto soddisfatti per la riuscita della manifestazione – ha detto l’amministratore delegato di Wine Channel, Valentina Tenaglia – . Nonostante le restrizioni dovute al Covid19 non permettano ancora di entrare in Cina e gli spostamenti interni siano limitati, oltre alla buona affluenza la richiesta di vini italiani registrata durante le tre giornate è stata alta. Questa di Interwine è la decima tappa di un tour promozionale dedicato al vino italiano, che da febbraio ha toccato tutte le province cinesi e che terminerà a novembre con la quinta edizione di QWine Expo, nello Zhejiang, dove saranno presenti circa 80 cantine italiane”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022