ARTI E CULTURE URBANE, ALL’AQUILA TORNA IL “RE ACTO FEST”


L’AQUILA – Sabato 25 e domenica 26 settembre torna nello spazio di CaseMatte, presso l’ex ospedale psichiatrico di Collemaggio, all’Aquila, il Re_Acto fest, festival di arti e culture urbane.

L’edizione di quest’anno, la quarta in assoluto, prende il nome di “Acciaio” e sarà una jam che si svilupperà nell’arco di due giorni organizzata dall’associazione Re_Acto, in cui si incroceranno tra loro, contaminandosi, writers, street artist, MC, DJ, breakers e skaters dando vita ad una sorta di performance collettiva.

Saranno più di trenta solo gli artisti legati al mondo della street art e dei graffiti chiamati a lasciare il segno, con un’importante presenza femminile, come quella di Lady Nina apprezzatissima fotografa urbana, oltre che writers, che dipingerà – in una combinazione urbana tra writing e street art – insieme alla street artist Alessandra Carloni tra le più note in italia nell’ambiente, che propone un surrealismo pop leggiadro e affatto banale.

Gli altri artisti e le artiste che si esibiranno nel live painting saranno Miss Cyborg, B.B. Queen, Ianni, Aurora, Lumaq, Solo, Orgh, Smake, Alleg, Er Pinto, Yest, Stelleconfuse, Idro, Muges, Sado, Omuf, Ben, Giotto, DesX, Dez-Midez, Kers, Orzo, Shine, Groove, Kpm, Mesx, Esck, Diamond.

Pennellate che nella giornata di sabato verranno date sotto la costante colonna sonora dei Dj Kompz, Resa, Beez e Dabadub, che si alterneranno sul palco, mentre si esibiranno live, a partire dal pomeriggio di domenica, un pezzo della storia del rap abruzzese come C.u.b.a. Cabal, dei giovani trapper come Velheno e Zero75 (Actus Mali) e due Crew cittadine di successo come Zona Rossa Krew e Slummer sound, che rappresentano due generazioni diverse, anche se una successiva all’altra, e che a collemaggio potrebbero definirsi resident.

Non mancheranno le danze con le breacker di Lady ’n soul e quelle aeree, sui tessuti, specialità di Bamby, mentre tutt’intorno sarà possibile usufruire delle vecchie e nuove strutture da skate presenti nell’area di CaseMatte.

Spazio anche alla video art con tre squadre di video makers che si muoveranno all’interno del festival per riprendere tutto ciò che accadrà e trasformarlo in un docu-film.

Nella giornata di domenica sarà presente anche una kid zone, uno spazio specifico in cui sarà messa a disposizione dei più piccoli materiale per dipingere ed esprimersi.

“L’edizione di quest’anno prende il nome di ‘acciaio’ perché sono tempi questi in cui è necessario esseri duri come l’acciaio per resistere agli effetti sociali di questa pandemia e continuare ad essere vivi e creativi tramite l’arte e la libera espressione – dice in una nota Luca Ximenes, presidente dell’associazione Re_Acto e noto street artist sotto lo pseudonimo di Des_X – . Pensiamo dunque sia importante proporre un festival in questo periodo in uno spazio come quello di CaseMatte, un avamposto che resiste in una città nel complesso anestetizzata dall’Amministrazione vigente, in uno spazio come quello di Collemaggio, incredibilmente abbandonato dalle istituzioni quanto libero, dove si lavora quotidianamente per la valorizzazione di talenti dell’underground locale in un incontro generazionale proficuo e raro in città. Per questo Reacto è felice di proporre nel suo programma sia artisti affermati, sia esordienti, in quanto chiunque deve sentirsi libero di esprimersi, connettendoci a quella visione di riconversione dell’ex manicomio che aveva preso forma in un progetto partecipato chiamato ‘Parco della Luna’, prima scartato dall’attuale Giunta cittadina e poi precipitosamente quanto segretamente ripreso per non perdere i fondi che insieme a 3e32/CaseMatte ed altre associazioni abbiamo contribuito a drenare a partire da un’idea comune”.

Appuntamento dunque sulla collina di Collemaggio per una due giorni all’aperto da non perdere piena di relazioni, musica e colori.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021