ESCE “BURRO”, DISCO D’ESORDIO DEGLI ABRUZZESI VENDRAME


PESCARA – Esordiscono nella discografia con la consueta ironia che li contraddistingue. Si intitola “Burro – I grandi successi” il primo album della band abruzzese I Vendrame, da oggi disponibile nei principali store digitali.

“Il disco contiene dieci tracce. Rappresenta quella che è la nostra idea di fare musica: raccontare storie e personaggi sopra le righe, sempre con una sorta di malessere di fondo travestito da ironia e dissacrazione” spiegano.

A fare da apripista all’album è stato il singolo “Postalmarket”, ispirato al celebre catalogo di vendita per corrispondenza, presente in tutte le case degli italiani negli anni Settanta e Ottanta.

“Un intimo e allegorico viaggio nelle fantasie quotidiane di ognuno di noi, che riavvolge i frame delle nostre giornate adolescenziali”.

Il progetto I Vendrame nasce a Pescara all’inizio del 2014, da un’idea di Riccardo Di Virgilio Mambella, Francesco Giammarino e Paolo Facondi.

“Raccontiamo il quotidiano con ironia, giocando con storie e personaggi improbabili, spesso contraddittori, che si materializzano nei brani e nei concerti, messi in scena con grande attenzione all’impatto teatrale dello show. Grazie alle molteplici influenze che spaziano dal rock al samba, dal blues alla psichedelia e a tutto ciò che c’è nel mezzo, la nostra musica sfocia in sonorità che toccano estremi talvolta inetichettabili, dietro un’apparente semplicità compositiva”.

Il nome del gruppo è un tributo al calciatore Ezio Vendrame, “un poeta del pallone e delle parole”, scomparso lo scorso aprile.

“I Vendrame sono tutto ciò che rappresenta un presunto talento mai espresso, mai valorizzato o, al contrario, sopravvalutato”.

Risale al dicembre 2014 la pubblicazione del loro primo EP.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.