SPOLTORE ENSEMBLE APRE CON ENZO AVITABILE E PEPPE SERVILLO


SPOLTORE – È tutto pronto per la quarantesima edizione di Spoltore Ensemble che si terrà da martedì 16 agosto a domenica 21 nel cuore del borgo. Largo San Giovanni, come ogni anno, ospiterà gli spettacoli della rassegna di arte e cultura organizzata dal Comune e diretta dal maestro Angelo Valori.

Ad aprire la kermesse, martedì 16 agosto, il concerto di Enzo Avitabile e Peppe Servillo che ripercorreranno in chiave acustica i loro brani più iconici e quelli degli autori a cui gli artisti sono legati. Un viaggio musicale attraverso un percorso fatto di emozioni e di conoscenza di un linguaggio personalissimo ed originale che ha reso i due artisti un riferimento della musica Italiana e non solo. Due carriere trentennali, le loro, all’insegna della ricerca continua di innovazione musicale e con uno sguardo sempre attento al sociale, cantando le sofferenze degli ultimi e le loro speranze, che sono le speranze di una grossa parte della popolazione del mondo. Servillo e Avitabile saranno accompagnati, al concerto dell’Ensemble, da Gianluigi Di Fenza, alla chitarra classica, ed Emidio Ausiello, alle percussioni. Lo spettacolo inizierà alle 21,30.

Mercoledì 17 alle ore 21,00 ad aprire la seconda serata del festival, sempre nella centrale Arena di Largo San Giovanni, “Amarcord, L’alba dello Spoltore Ensemble con William Zola. A seguire (22,15) ci sarà il monologo teatrale scritto e interpretato da Walter Nanni “Costa discordia. L’Africa e l’emigrazione come non ve l’hanno mai raccontata”, uno straordinario e appassionante racconto di un viaggio dentro il cuore del Senegal, attraverso le parole e la testimonianza dell’attore e regista italiano che, con il suo consueto stile ironico, umoristico e comunicativo, racconta l’Africa e i suoi fenomeni migratori, smontando mille luoghi comuni, con una interpretazione a metà tra la satira e il teatro civile. Le musiche sono di Enrico Melozzi.

Giovedì 18 agosto alle 21,30 andrà in scena “Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio”, una lettura particolare del romanzo di Remo Rapino, vincitore del premio Campiello 2020, a cura della Compagnia Teatrale Ennio Flaiano, del Fla-Festival di libri e altre cose e del Conservatorio di musica Alfredo Casella dell’Aquila. Lo spettacolo, firmato dalla regia di Rossella Mattioli e con le musiche di Paolo Rosato, verrà interpretato dall’autore Remo Rapino, dalla voce narrante dell’attrice Rossella Mattioli e dalla fisarmonica di Dario Flammini. Nella rappresentazione si ripercorrerà la vita di Liborio Bonfiglio, protagonista del fortunato romanzo, che si aggira strambo e irregolare sui lastroni di basalto di un paese che non viene mai nominato. Sarà la musica di una fisarmonica, composta per l’occasione, ad accompagnare Liborio in questo incontro a lui dedicato, e in cui questo originale personaggio si presenterà al pubblico, anche sulla scena, da punti di vista diversi, con focalizzazioni – narrativamente parlando – differenti, che assumeranno toni e colori vari.

Il festival proseguirà con l’esclusivo live Morgan meets Angelo Valori & Medit Orchestra (venerdì 19 agosto), il concerto di Tosca, Morabeza d’estate (sabato 20), e lo spettacolo Les enfants terribles, a cura di Guardiagrele Opera (domenica 21).

I biglietti per gli spettacoli sono acquistabili on line sul circuito CiaoTickets e alla biglietteria di Largo San Giovanni, prima di ogni evento.

Il centro storico, per l’intera durata dell’evento, sarà Città Palcoscenico con attori e musicisti che daranno vita a show di arte varia per le vie del borgo. Inoltre, tutti i giorni del festival, alle ore 18.00, si potrà visitare la Spoltore nascosta, iniziativa organizzata dalla Pro Loco Spoltore Terra dei 5 borghi, alla quale si potrà partecipare recandosi all’infopoint turistico di piazza D’Albenzio.

E poi Dimore Ensemble, iniziativa organizzata da I colori del territorio a cura di Edgardo Cotellucci e Marie Jenie Rossi, che permetterà di visitare i luoghi identitari della città tra spazi pubblici e dimore private che saranno aperte al pubblico per l’occasione.

Infine il centro storico si arricchirà di Percorsi di fotografie, tre mostre fotografiche (“Quando non c’era il selfie. Il fotografo di paese, testimone del tempo e artista” di Tonino Di Venanzio c/o Cripta Chiesa San Panfilo entro le Mura, “Io credo. Volti e Voci della spiritualità” di Mauro Vitale c/o Ex Antico Forno, Via dei Calderai 37 e “Passione fotografia. Libertà di esprimersi” dei fotografi Aternum c/o Biblioteca comunale di Spoltore Via Dietro le Mura 10) organizzate da La Centenaria a cura di Andrea Morelli e Aternum fotoamatori abruzzesi.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022