55MILA FIRME CONTRO IL TAGLIO DEL PARCO SIRENTE VELINO


L’AQUILA – In una nota le ambientaliste fanno sapere che “sono più di 55.000 le firme sulla petizione on-line lanciata da un fronte molto ampio di Associazioni contro la riduzione del Parco regionale Sirente Velino! E il numero continua a crescere a un ritmo sorprendentemente veloce. La petizione si può firmare al link http://chng.it/LJhN27RW46. La politica regionale non può ignorare l’interesse e l’attenzione nati intorno alla mobilitazione per il Parco Sirente Velino, l’Abruzzo è nell’immaginario collettivo la Regione della natura protetta e ben conservata e da qui bisogna ripartire per una nuova stagione di vitalità per il Parco regionale”.

“Si ricorda che con la proposta di legge ‘Nuova disciplina del Parco naturale regionale Sirente Velino e revisione dei confini’ la Giunta regionale ipotizza un taglio di 8.000 ettari dal perimetro del Parco, senza nessuna analisi né ambientale né economica e sociale a supportare tale azione”.

“Le Associazioni non si limitano a chiedere di fermare l’assurda proposta di riduzione del perimetro del parco regionale, ma quello che vogliono è un rilancio dell’area protetta, un progetto che porti innanzitutto a conclusione il periodo del commissariamento, scandalosamente troppo lungo, veda l’approvazione del piano del Parco, nomini un presidente esperto in materia di gestione ambientale e politiche di sviluppo territoriale. Questo hanno ribadito le Associazioni audite nei giorni scorsi in II Commissione dal Consiglio regionale e che continueranno a sostenere nelle prossime consultazioni… e con loro altri 55.000 cittadini che chiedono tutela per il Parco Sirente Velino, terra di aquile, orsi, camosci e grifoni, ma anche proposte serie di crescita culturale, sociale ed economica per i Comuni e le popolazioni nel Parco vivono e lavorano”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.