A ROCCARASO IL PREMIO SUFFOLETTA CELEBRA GLI ABRUZZESI CHE SI SONO DISTINTI


ROCCARASO – A Roccaraso (L’Aquila), presso la sala consiliare Spataro del Palazzo Comunale si svolge oggi la XXVI edizione del Premio Benigno e Filomena Suffoletta (già Premio Filomena Carrara Suffoletta), a 30 anni dalla prima edizione svoltasi nel 1989 su un’iniziativa di Benigno Suffoletta, e dei suoi figli Gaetano e Giuseppina, in ricordo della moglie, Filomena Carrara, con lo scopo di valorizzare persone legate all’Abruzzo, distintesi nel proprio campo lavorativo o di interesse.

Dopo la scomparsa del fondatore e creatore del Premio Benigno Suffoletta, avvenuta nel 2014, la manifestazione ha cambiato nome assumendo l’attuale.

Pur nelle varie forme che la struttura della manifestazione ha assunto nel corso degli anni, lo spirito che il fondatore Benigno Suffoletta ha cercato di infondere nel Premio continua ad essere l’indirizzo che Gaetano e Giuseppina si impegnano a seguire mantenendone vivo l’ideale.

Il Premio Benigno e Filomena Suffoletta nel suo percorso di ricerca e riconoscimento della qualità viene conferito a persone legate all’Abruzzo che abbiano dimostrato e dimostrino un livello di eccellenza nella loro professione o attività.

L’edizione di quest’anno, dopo il saluto e la presentazione del presidente del Premio Gaetano Suffoletta, e del sindaco di Roccaraso Francesco Di Donato si svilupperà con il Premio Benigno e Filomena Suffoletta consegna delle medaglie d’oro a personalità che si sono distinte nei vari campi della cultura, del lavoro, dell’economia e del giornalismo: Andrea Prencipe rettore dell’Università Luiss Guido Carli professore ed esperto di Organizzazione ed Innovazione in ambito economico. Originario della Puglia si è trasferito a Pescara dai tempi dall’Università; Francesco Paolo Valentini titolare della nota azienda vinicola di Loreto Aprutino (Pescara) produttrice di vini considerati tra i migliori d’Italia; Federica Di Nicolantonio medico e ricercatrice. Nata in Abruzzo attualmente è professoressa a Torino e leader di un gruppo di ricerca sulle terapie alternative per la cura dei tumori all’intestino. La sua ricerca è considerata tra le più innovative al mondo dalla comunità scientifica internazionale; Daniele Barone giornalista sportivo di Pescara vive e lavora a Milano. Volto noto della piattaforma Sky si è distinto per la sua competenza nello sport.

Come in altre occasioni oltre alla consegna dei Premi verrà consegnata una menzione speciale a chi si è distinto in un particolare ruolo o attività.

Quest’anno verrà assegnata a un giovane giornalista, you tuber di 14 anni Luca Del Prete di Roma, la mamma è originaria di Avezzano (L’Aquila), che già ha accumulato una notevole esperienza nel campo dell’informazione.

Nelle precedenti edizioni l’organizzazione del Premio ha realizzato delle pubblicazioni da consegnare a tutti i partecipanti (premiati e pubblico) e ad oggi sono stati pubblicati 23 libri e un dvd.

Fino al 1998 le pubblicazioni raccoglievano i migliori testi presentati ai concorsi del Premio, dal 2000 le pubblicazioni sono state destinate a monografie, racconti, romanzi di diversi autori e nella scorsa edizione è stato realizzato un dvd con immagini e video della storia del Premio.

Quest’anno l’Associazione ha deciso di fare donazione di un defibrillatore al Comune di Roccaraso come segno del legame al paese.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021