“ABC ABRUZZO BLOCKCHAIN”, STORIA E FILIERA DEI PRODOTTI IN UN CLICK


PESCARA – È stata presentata questa mattina nella sede confindustriale di Via Raiale 110 bis la piattaforma “Abc Abruzzo Blockchain – Tutela Promuovi Espandi” per le imprese di Chieti e Pescara, strumento di ultima generazione per creare un tracciamento digitale di autenticità partendo dalla storia del prodotto.

Confindustria Chieti-Pescara e Camera di Commercio di Chieti-Pescara scendono in campo per mettere a disposizione del tessuto produttivo strumenti innovativi per il futuro. “Abc Abruzzo Blockchain – Tutela, Promuovi, Espandi” costituisce un percorso di evoluzione digitale che vuole potenziare la crescita economica del tessuto produttivo abruzzese, in gran parte costituito da piccole e medie imprese, dove una quota crescente di export è detenuta soprattutto dai settori design e food&wine.

La piattaforma è on line all’indirizzo https://www.abruzzobc.it/: nella sua home page fornisce tutte le informazioni necessarie alle imprese interessate a conoscere questo strumento e presenta in una vetrina le aziende già aderenti.

Nell’area riservata, ad accesso con password, la piattaforma rende disponibili dashboard aziendali riservate dove ogni realtà industriale del territorio ha la possibilità di configurare la tracciabilità della storia dei propri prodotti. Il tracciato notarizzato su blockchain è condiviso con i consumatori e con tutti gli attori della filiera: ogni lotto di produzione gestito in piattaforma ABC contiene le informazioni raccolte durante il processo di produzione di un prodotto, al fine di garantirne trasparenza, fiducia e tracciabilità. L’accesso del consumatore finale a queste informazioni avviene tramite lettura di QR-Code posizionati sul prodotto finito o tramite link web condiviso dall’azienda nelle sue attività di marketing e vendita.

Ha aperto i lavori della conferenza di oggi Silvano Pagliuca, presidente di Confindustria Chieti-Pescara che ha detto: “Tracciare in blockchain i prodotti e servizi delle imprese abruzzesi è una sfida che dobbiamo affrontare insieme. Aziende di tutto il mondo stanno adottando questa tecnologia: obiettivo valorizzare il Made in Italy 100% e rilanciare l’internazionalizzazione delle nostre l’imprese”.

“Nel concreto, un esempio dei vantaggi di cui le aziende potranno beneficiare: il tracciamento di origine, dell’avanzamento ordine, delle fasi di lavorazione espletate in house (certificato di proprietà), l’accreditamento committenze, la tracciabilità dei lotti, la messa a sistema di entità nella stessa filiera che non hanno rapporti diretti tra loro e l’allineamento con clienti già orientati alla blockchain (grandi catene di distribuzione). Abc nasce da un tavolo di lavoro avviato nel 2019 in Confindustria Chieti-Pescara che ha messo a rete molteplici esperienze di esperti e aziende. Inoltre, la piattaforma ABC è stata da pochi giorni citata come best practice nazionale sul libro bianco della blockchain, edito da Assolombarda”.

Gennaro Strever, presidente della Camera di Commercio di Chieti-Pescara ha evidenziato: “La Camera di Commercio in questi anni ha sostenuto e continuerà a sostenere progetti intelligenti ma, soprattutto, utili per il mondo produttivo del territorio. In questa occasione, insieme a Confindustria Chieti Pescara, siamo impegnati per mettere a disposizione del tessuto produttivo del territorio una piattaforma di BlockChain, Abc Abruzzo. Dopo questa pandemia dovrebbe esserci una ripresa economica sul nostro Paese anche se devo esprimere, con grande dispiacere, un qualche dubbio per il nostro territorio, considerato che, dalle notizie note in questo periodo, l’Abruzzo sembrerebbe essere fuori da qualunque progetto di sviluppo infrastrutturale con i fondi del Recovery fund”.

La blockchain è una tecnologia particolarmente adatta a dare valore alle filiere del nostro Made in Italy come l’agroalimentare, il design e il fashion, contribuendo anche alla lotta alla contraffazione. I prodotti “Made in Italy” sono infatti conosciuti in tutto il mondo come sinonimo di qualità, sicurezza e affidabilità. Il nostro “Made in” si posiziona al quinto posto a livello mondiale, preceduto da Usa, Francia, Germania e Giappone, raggiungendo un valore stimato di 96,9 miliardi di dollari nel 2019, con una crescita del +14% rispetto all’anno precedente.

Il commercio di beni contraffatti nel mondo vale peraltro quasi 500 miliardi di dollari l’anno, pari al 2,5% delle importazioni mondiali. La tecnologia di ABC, con i suoi strumenti di tracciabilità delle sedi produttive e dei lotti, supporta quindi anche la tutela del made in Italy e aiuta le aziende nell’espandere le proprie quote di mercato.

Presentate anche le prime tre aziende abruzzesi pioniere che si sono registrate in Abc Abruzzo Blockchain e che stanno già utilizzando la piattaforma: Sartoria Belisario, Cantina Marramiero e Spiedì.

Nei prossimi giorni i loro prodotti tracciati sulla piattaforma Abc Abruzzo Blockchain verranno distribuiti nei consueti canali di vendita, dando ai propri consumatori uno strumento in più per conoscere le storie dei prodotti acquistati garantendo sempre più trasparenza, qualità ed unicità della filiera di produzione.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021