ALLARME DEI PESCATORI: PORTO DI ORTONA RISCHIA DI CHIUDERE PER INSABBIAMENTO


ORTONA – Il porto di Ortona (Chieti) è pericoloso e rischia di chiudere se non si interviene subito. È il grido d’allarme lanciato dal Flag Costa dei Trabocchi e dagli operatori della pesca.

All’origine il mancato completamento dell’avanporto, realizzato solo per metà, che avrebbe dovuto risolvere il problema dell’insabbiamento, ma ha causato solo ulteriori problemi: già 12 pescherecci e una ventina di vongolare hanno chiesto ospitalità ai porti di Pescara e di Vasto.

I lavori sono finanziati con 40,5 milioni previsti dal Masterplan Abruzzo, somma stanziata proprio per potenziamento del porto e prolungamento del molo sud. I lavori dovrebbero terminare entro il 31 dicembre 2024.

“È stato prolungato il molo nord, ma non quello sud. Ciò provoca un fenomeno molto pericoloso – spiega il presidente del Flag Costa dei Trabocchi Franco Ricci – . I marosi sbattono sul molo nord e arrivano con maggiore violenza all’interno del porto, specie quando arrivano da scirocco. Per questo rivolgiamo un appello alla Regione affinché si intervenga subito per completare i lavori, i fondi ci sono”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021