AUMENTANO I TURISTI CHE ARRIVANO IN AEREO IN ABRUZZO


PESCARA – Si vola dall’Aeroporto d’Abruzzo, ma soprattutto, si vola sempre di più, sicuri e con entusiasmo. Dopo il lungo periodo di lockdown, la ripresa a pieno regime dei collegamenti con l’Italia e l’estero, registra un rapido incremento nel numero dei passeggeri, con vettori che viaggiano mediamente all’80% della loro capacità complessiva.

Un bilancio positivo per le rotte commerciali dell’estate 2020, a cominciare dal volo Ryanair Pescara–Bergamo Orio al Serio, che ha inaugurato lo scorso 22 giugno la ripresa dei collegamenti commerciali dallo scalo abruzzese.

Si vola nei mesi di luglio ed agosto, tre volte a settimana, per poi tornare a volare tutti i giorni dal mese di settembre.

Buone notizie sul fronte incoming, con un rappresentativo incremento del numero dei turisti provenienti dall’estero (con i voli Ryanair di Londra, Dusseldorf e Bruxelles), desiderosi di visitare l’Abruzzo e scoprire le bellezze naturalistiche, culturali ed enogastronomiche di questa terra.

Bene anche i collegamenti operati dalla compagnia low cost Volotea, con le Isole Sicilia e Sardegna, Catania, Palermo, Cagliari e la new entry Olbia, sempre più gettonate dai turisti.

Il 21 luglio sarà la volta del volo per Bucarest sempre a bordo di Ryanair che, a partire dal mese di agosto, volerà anche per Malta, Barcellona e Francoforte.

“I numeri registrati in questo primo mese di ripresa dei collegamenti – dice in una nota il presidente della Saga Enrico Paolini – rappresentano un dato significativo per l’Aeroporto d’Abruzzo, che offre ai passeggeri sicurezza e tranquillità. Siamo pronti a riprendere la nostra corsa verso importanti obiettivi”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.