BANCA DELLA TERRA, RIPARTE IL PROGETTO SIBATER CHE CENSISCE LE AREE INCOLTE O ABBANDONATE


ANVERSA DEGLI ABRUZZI – Anci Abruzzo riparte sull’attività del Progetto Sibater, il cui obiettivo è quello di accompagnare i comuni interessati nella realizzazione di una “Banca della terra” effettuando un censimento delle terre abbandonate o incolte di proprietà pubblica e privata.

“Lunedì 3 agosto terremo una iniziativa in presenza per l’area territoriale Sagittario Sangro Peligna e i comuni che hanno in Abruzzo già deliberato adesione e manifestazione d’interesse”, si legge in una nota dell’Associazione dei Comuni.

“Illustreremo il I e il II Kit e la bozza di delibera di adesione al progetto che ci consentirà di fare assistenza tecnica specifica agli uffici comunali nella realizzazione di questo importante strumento di valorizzazione patrimoniale. Il primo kit”, illustra la nota, “contiene gli schemi relativi a tutto il ciclo di atti relativi alla cessione dei terreni da parte di privati (singoli o società) al comune di riferimento, a partire dalla manifestazione di interesse da parte del comune nei confronti di potenziali soggetti privati interessati fino agli atti deliberativi di acquisizione al patrimonio comunale. Il secondo kit, invece, contiene gli schemi e i modelli e le delibere organizzative necessarie all’interno dell’amministrazione comunale per strutturare le attività del censimento della terra”.

Partecipano Francesco Monaco Sibater/Anci nazionale e coordinatore Strategia Nazionale Aree Interne, Gianni Di Cesare sindaco di Anversa degli Abruzzi, Manuela Cozzi agronoma, Paolo Prosperini esperto Progetto Sibater, Angelo Radica sindaco di Tollo, Emanuele Pavone coordinatore commissione agricoltura Direttivo Anci Abruzzo.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2020