BAR APERTO ALL’AQUILA: ASPORTO ORA POSSIBILE MA CHE CONFUSIONE


L’AQUILA – “L’ordinanza regionale dello scorso 23 aprile, in vigore sino a ieri, di fatto esprimeva solo il fatto che fosse preferibile ma non obbligatorio ordinare cibi e bevande d’asporto per telefono”, sottolinea Francesco Di Francesco, titolare del bar tabaccheria Il Guerriero in corso Vittorio Emanuele, a ridosso di piazza Duomo, nel primo giorno di fase 2 dell’emergenza Coronavirus.

“Il numero di telefono della nostra attività è affisso in vetrina, insieme a tutte le regole di comportamento che chiediamo ai nostri clienti, come l’obbligo di entrare uno per volta e di farlo con guanti e mascherine”, aggiunge.

“Anche noi stiamo cercando di spingere i clienti a preordinare per telefono, ma non siamo vincolati. Le ordinanze regionali successive, ancora in vigore, non si sono espresse nel merito”. (fab.i.)

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021