ECCO LE CINQUANTA IMPRESE TENACI PREMIATE DA CONFCOMMERCIO


TERAMO – Cinquanta aziende abruzzesi premiate come “tenaci” dalla Confcommercio. La cerimonia oggi a San Nicolò a Tordino (Teramo), presso il centro congressi Eltron, di quella che è stata la prima edizione del Premio intitolato alla memoria del compianto Giandomenico Di Sante, fondatore dell’omonimo mobilificio, allo scopo di offrire un riconoscimento a quelle imprese che nel corso di lunghi anni di attività hanno contribuito positivamente allo sviluppo socio-economico dell’Abruzzo, affrontando e superando con la tenacia di cui sono capaci gli abruzzesi, le moltissime difficoltà che negli ultimi anni hanno caratterizzato, per molteplici motivazioni, i settori del commercio, del turismo e dei servizi dell’Abruzzo.

Alla manifestazione hanno preso parte il presidente regionale di Confcommercio Roberto Donatelli, i vice presidenti Marisa Tiberio (Chieti), Francesco Danelli (Pescara) e Giammarco Giovannelli (Teramo) e il direttore Celso Cioni.

Hanno presenziato all’evento il vescovo della Diocesi Teramo-Atri, monsignor Lorenzo Leuzzi, Il vice prefetto di Teramo Edoardo D’Alascio, il sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto, l’assessore comunale alle Attività produttive Antonio Filipponi, il presidente della Camera di Commercio di Teramo Gloriano Lanciotti e la vice presidente Antonella Ballone, il rettore dell’Università degli studi di Teramo Dino Mastrocola e il presidente regionale dei Giovani di Confindustria Giammaria De Paulis.

Nella sala gremita del centro Eltron il Premio, consistente in una statuetta raffigurante il Guerriero di Capestrano e un diploma di merito, è stato consegnato ai titolari di 50 aziende oltre a tre Premi speciali alla memoria di Giandomenico Di Sante, Massimiliano Bartolotti, patron degli impianti sciistici Ovindoli-Monte Magnola scomparso nei mesi scorsi e ai giovanissimi imprenditori Riccardo, Piergiovanni ed Edoardo Di  Carlo, che hanno riaperto le pizzerie dei genitori, vittime della tragedia di Rigopiano.

LE AZIENDE PREMIATE

CHIETI

La Bottega di Livio di Antonio D’Amico, Fratelli Bussoli di Giuseppina Tiberio, Mimò babymarket di Rosetta Pietroni, Assunta Pantalone, Bar Micolucci di Fedora Micolucci, il negozio di abbigliamento di Giovanni Mariani, la tabaccheria D’Alberto di Rita Mammarella, il market di Maria Farina, D’Alonzo Insurance Group di Nicolino D’Alonzo, l’hotel La Maielletta di Guido D’Alessandro, Supporter Management di Simona Fattore e Polidoro Regali di Massimo Polidoro.

L’AQUILA

Il negozio di abbigliamento di Raffaele Panarelli, l’azienda Melchiorre di Andrea, Simonetta, Sabrina e Fabiana Melchiorre, il panificio Peppinella di Lucio e Ferdinando Marinangeli, l’azienda dolciaria Fratelli Nurzia di Giuliana, Natalia e Francesco Nurzia, il negozio di calzature Mazzitti di Rosa Mazzitti e Christian Ceddia, Self Service di Angelo e Gianfranco Liberati, la pasticceria Celso Cioni di Michela Pacione, Cermignani Emilio &C., Sestini ricambi di Giovanni Sestini, Cedi di Giovanbattista Paciotti, Mario Maccarone, Marino Mobili di Giuseppe e Stefano De Simone, Dell’Olio di Gabriella Dell’Olio.

PESCARA

Arienti mobili di Adriano Arienti, caffè Excelsior di Carlo Miccoli, Caffè Ideale dei fratelli Baldassarre, la cioccolateria Belacco di Fernando Belacco, l’hotel Plaza di Emilio Schirato, l’Arte del ricambio di Concettina Traini, Lido Pinalba-Il moro di Domenico Tucci, il panificio Giglio di Roberto D’Intino, la Profumeria Femminella di Umberto Femminella, la Sea di Sergio Simoncelli, Uza Pelletterie di Ugo Zamparelli, Zulli Sport di Gauro Zulli, Sergio Mazzaferro.

TERAMO

Bollettini Sestino e Patacchini Splendora snc di Sestino Bollettini, Sergio Di Fiore, l’hotel Venere di Miriana D’Andrea, il Gruppo De Giorgis di Franco De Giorgis, Nicola Di Canzio, la macelleria di Alessandro Di Domenicantonio, Angelo Puglia, Poker di Dario Sfoglia, Prati di Tivo Adventure Park e Cerrano Park Adventure di Linda Montauti, il panificio di Eugenio Mignini, Loreta Marinelli e Lo Spagnolo di Alessia Maldonado.