FUNGHI, STAGIONE RECORD DOPO LE ABBONDANTI PIOGGE


ROMA- Le piogge di fine estate hanno favorito la crescita dei funghi, al punto che è già un boom per la raccolta e, secondo le prime stime della Coldiretti, si annuncia una stagione da record.

L’estate 2018, calda e piovosa, ha creato infatti “le condizioni favorevoli alla crescita dei funghi” e “in molte aree la raccolta si è avviata con straordinario anticipo e ottimi risultati”, rileva la Coldiretti in una nota.

Dopo un 2017 particolarmente negativo per gli effetti della siccità, che hanno lasciato in molti a mani vuote, le previsioni di quest’anno “sono per un raccolto ben superiore a quello delle annate normali negli oltre 10 milioni di ettari di bosco che – riferisce la Coldiretti – coprono un terzo dell’Italia”.

La raccolta dei funghi, prosegue la nota, è un’attività economica importante “a sostegno delle aree interne boschive, dove rappresenta un’importante integrazione di reddito per migliaia di professionisti impegnati a rifornire negozi e ristoranti di prodotti tipici locali”.

Per chi raccoglie funghi per hobby è importante “evitare le improvvisazioni e seguire alcune importanti regole che – sottolinea la Coldiretti – vanno dal rispetto di norme e vincoli specifici presenti nei diversi territori, alla raccolta solo di funghi di cui si sia sicuri”, e nel rivolgersi sempre, in caso di incertezza, per controlli ai Comuni o alle Unioni micologiche. È anche importante andare a raccogliere funghi utilizzando cestini di vimini, evitando le buste di plastica.

Per chi i funghi li compra, infine, è bene sapere che da quest’anno l’etichetta o il cartellino devono indicare obbligatoriamente il luogo di raccolta o coltivazione.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.