I TOUR OPERATOR SCOPRONO L’ABRUZZO, ALL’ALBERGO MONTE SELVA DA TUTTA ITALIA


BARISCIANO – “Tutti i più grandi tour operator stanno riscoprendo l’Italia e anche l’Abruzzo, dopo quello che è successo nell’ultimo anno. Con il Covid c’è stata l’esigenza di rivedere le proprie attività e ci si sta orientando sulle cosiddette vacanze di prossimità”.

Roberto Cerasani, guida e accompagnatore di Boscolo Tours, è abruzzese e dopo dieci anni di esperienza con il colosso delle vacanze organizzate, è riuscito a far inserire anche la sua regione tra le mete offerte nel catalogo 2021.

In questi giorni sta accompagnando una comitiva nell’entroterra. Il gruppo quotidianamente si muove alla scoperta di alcune delle meraviglie che il territorio custodisce, dal complesso abbaziale di Bominaco alla Rocca di Calascio, ma anche le città come L’Aquila e Sulmona.

Tappa anche all’Albergo ristorante Monte Selva di Barisciano (L’Aquila), da oltre vent’anni guidato da Alessandra Gallucci con la sua famiglia, che proprio oggi ha accolto il primo gruppo della stagione.

“Mi sono sempre occupato di mete estere, Medioriente, Nord Africa, Centro ed Est Europa”, racconta Cerasani, “con il Covid c’è stata l’esigenza di puntare sull’Italia e allora ho pensato che fosse il momento giusto per proporre al tour operator per il quale lavoro il mio Abruzzo, che fino ad ora non ha mai avuto la stessa considerazione delle altre regioni italiane”.

L’operatore spiega che c’è una vera e propria inversione di tendenza, che d’altra parte si registra anche nelle presenze nelle strutture come lo stesso Monte Selva: “Alle mete blasonate molti tour operator stanno affiancando l’Abruzzo, che si sta mettendo in luce con i suoi luoghi straordinari, la natura incontaminata, gli antichi borghi e il mare pulito. Posti che gli stessi tour operator prima non conoscevano neanche”.

Boscolo, in particolare, ha pianificato dieci soggiorni in Abruzzo durante tutta l’estate, ciascuno con un gruppo diverso ed eterogeneo di persone. Due le offerte: il pacchetto “Costa dei Trabocchi e Isole Tremiti”, in cui si soggiorna per l’intero periodo ad Ortona (Chieti), da cui quotidianamente ci si muove per scoprire l’entroterra e le isole, e quello “Terre d’Abruzzo”, itinerante che offre la possibilità di visitare sia l’Abruzzo interno che quello costiero.

Barisciano, porta sud-occidentale del Parco nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, si riscopre intanto meta turistica anche grazie all’intraprendenza degli operatori locali: lo stesso Monte Selva, ad esempio, insieme a Natour L’Ostello per i camminatori, per il secondo anno ripropone “A spasso per il Gran Sasso”, un pacchetto che consente di trascorrere tre giorni e due notti tra natura, borghi e sapori a un prezzo imperdibile.

Dal venerdì alla domenica, accompagnati dai professionisti del Collegio guide alpine d’Abruzzo di Gran Sasso Guides, i visitatori saranno presi per mano e condotti alla scoperta di uno spicchio dell’Abruzzo. Un’offerta che ha il pregio di soddisfare le esigenze delle famiglie, con la disponibilità di appartamenti autonomi, e quelle di chi predilige una sistemazione alberghiera.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021