IN QUASI TRE MILIONI HANNO VISTO IN TV L’ABRUZZO ATTRAVERSATO DAL GIRO


PESCARA – Bilancio positivo per la tappa abruzzese del Giro d’Italia. Due milioni e 749mila spettatori hanno seguito in televisione, domenica, le fasi finali dell’arrivo del Blockhaus, pari al 22,2% di share. Un successo mediatico, secondo gli organizzatori.

“Per l’Abruzzo è stato un evento straordinario non solo sportivo ma anche di forte promozione del territorio – ha detto l’assessore regionale allo sport, Silvio Paolucci, riferendosi alla frazione Montenero di Bisaccia-Blockhaus -. Domenica abbiamo assistito a uno spettacolo davvero unico: tanti appassionati hanno raggiunto la Majella per seguire da vicino l’arrivo del Giro e il pubblico delle grandi occasioni era assiepato lungo le strade attraversate dalla corsa. Per l’Abruzzo credo sia stato uno spot eccellente. Abbiamo dimostrato di essere capaci di ospitare grandi eventi sportivi e soprattutto che lo sport, ancora una volta, rimane un volano eccellente per la promozione del territorio”.

“Ora – ha aggiunto Paolucci – abbiamo altri due eventi importanti legati al mondo delle due ruote: ospiteremo due tappe del Giro d’Italia under 23 a giugno, e poi, a luglio, il Trofeo Matteotti”.

Risultati positivi anche sui social: il profilo Twitter del Giro ha raggiunto, in occasione della tappa abruzzese, le oltre 19,5 milioni di visualizzazioni dei tweet, e l’hashtag #Giro100, utilizzatissimo anche da squadre e corridori, spopola nei trending topic, divulgando le immagini della tappa del Blockhaus.

“L’Abruzzo – ha concluso Paolucci – ha una tradizione ciclistica importante e per noi rappresenta un asset fondamentale da promuovere anche nel settore turistico perché abbiamo percorsi unici e suggestivi”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021