LA DENUNCIA DEGLI ALLEVATORI: CONSORZIO ATERNO-SAGITTARIO SPENDE 20MILA EURO DI TELEFONO


OFENA – “Il Consorzio di bonifica interno Aterno-Sagittario spende 20 mila euro di traffico telefonico e i contadini pagano!”.

Lo denuncia Dino Rossi, portavoce del Comitato spontaneo degli allevatori Cospa.

“Spero che i consiglieri regionali abbiano dato uno sguardo all’albo pretorio del Consorzio per rendersi conto di come svaniscono nel nulla i soldi dei consorziati, basta dare uno sguardo al link http://www.cbaternosagittario.it/index.php/provvedimenti/provvedimenti-organi-di-indirizzo-politico e cliccare l’annualità e la voce deliberazioni amministrative deputazione”.

“Vi consiglio vivamente di sedervi prima di aprire per poi leggere le fatture dicembre 2017 e il 2018 di Wind e Tre perché il conto è sbalorditivo”, accusa Rossi, “udite udite cari consorziati, il nostro Consorzio spende solo di telefonini la bellezza di 14.398,23 euro l’anno, senza contare il canone dei telefoni fissi”.

“Modestamente non me la sono sentita di continuare a fare l’addizione delle fatture per la rabbia che mi è venuta, se si pensa che le fatture della telefonia mobile nel periodo invernale è uguale al periodo di quello estivo, quando il Consorzio non dà il servizio irriguo. A questo punto un dubbio ci assale: è possibile che il Consorzio usa i tasti dei telefonini per pompare l’acqua negli invasi di Ofena e Capestrano al posto dell’energia elettrica facendo lavorare duramente con i pollici gli operai? Oppure cari signori consorziati, qui c’è da pensar male e ci si azzecca quasi sempre”, prosegue Dino Rossi, “il Consorzio rimane aperto pure la notte per vedere i film a luci rosse via internet?”.

“Possibile che la deputazione voluta da Gerosolimo (l’ex presidente Ernesto Zuffada era sua espressione, ndr) non si è resa conto delle spese folli? Adesso la moglie (Marianna Scoccia, consigliera regionale, ndr) chiede un Consiglio regionale straordinario sul Consorzio per fare chiarezza: sono forse separati in casa?”.

“Non dimentichiamo che nel direttivo del Consorzio ci sono altri membri nominati dalla politica regionale come referenti: cosa hanno riferito visto che è stato convocato un Consiglio straordinario solo per buttare fumo negli occhi dei contadini super tartassati?”.

“Andiamo avanti signori consiglieri della Regione Abruzzo di ogni ordine e grado: se si da uno sguardo approfondito”, aggiunge Dino Rossi, “ci accorgiamo che sono stati aperti dei contenziosi già persi in partenza con parcelle onerose. E non finisce qui! La diga di Capodacqua costruita a beneficio dei contadini della vallata, improvvisamente viene ceduta con diritto d’uso al Comune di Capestrano che stranamente l’affida ad una ditta a trattativa privata”.

“È usuale di tutti i Consorzi abruzzesi affidare le strutture realizzate per i contadini ad associazioni come il Wwf, Cogestre e altri senza pagare un euro di canone, soldi che potrebbero essere utilizzati per abbassare la tassa sulla bonifica dei consorziati che si trovano ad affrontare la crisi economica agricola. Inoltre la Regione Abruzzo da anni non finanzia più i Consorzi, ma trova i soldi a favore di queste associazioni che insediano in queste strutture artificiali facendo credere che sono oasi naturali”.

“Certo che è davvero strano”, conclude il portavoce degli allevatori, “se si pensa che se le associazioni ambientaliste fossero esistite all’epoca, realizzare queste strutture sarebbe stato impossibile, ora si sono appropriati del nido, come il cuculo. È ora di rivedere il tutto e queste associazioni devono iniziare a pagare come tutti i consorziati e la Corte dei Conti faccia i conti!”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.